Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mutui e inflazione: le conseguenze per chi compra casa

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Dopo un lungo periodo di tassi bassi potrebbe essere l’inflazione a farli tornare in salita? E se sì quali conseguenze ci saranno per chi decide di comprare casa con un mutuo? Vediamolo insieme a MutuiSupermarket.it.

Secondo il portale, l’inflazione sta tornando a crescere: gli ultimi dati parlano di un costo del denaro in aumento del 3% in Europa e del 2,1% in Italia, mentre già negli Stati Uniti si è ampiamente superata la soglia del 5%. Le condizioni per una politica monetaria non più accomodante, quindi, iniziano a delinearsi e con esse la possibilità di un rialzo dei tassi Bce al termine del 2022, che risulterà anche nella crescita dei tassi dei mutui.

Quali conseguenze, quindi, per chi acquista casa con un mutuo? Entro un anno i tassi dei mutui potrebbero diventare più alti rendendo più care le rate dei finanziamenti casa. Certo, l’aumento non sarà repentino, ma sarà il caso di cominciare allora a ragionare su come tutelarsi contro il rialzo del costo dei mutui.

Primo, meglio approfittare ora del momento di “bonaccia”, se si ha intenzione di acquistare con un mutuo; secondo, meglio valutare i pro e i contro di stipulare un mutuo a tasso fisso o a tasso variabile. Stipulando oggi un mutuo a tasso variabile, infatti, si rischia di dover subire domani il rialzo dei tassi; scegliendo il tasso fisso le condizioni del mutuo resteranno ferme ad oggi, tutelando il contraente contro gli aumenti dei prossimi anni.