Notizie su mercato immobiliare ed economia

Sisma centro Italia oggi, Legnini: "Chiuderemo la ricostruzione prima del 2031"

Isi
Isi
Autore: Redazione

Qual è la situazione del sisma del centro Italia oggi? Se ne è parlato nel corso dell'evento del decennale dell'Associazione Ingegneria sismica italiana (Isi), al quale ha partecipato Giovanni Legnini, commissario straordinario del Governo per la ricostruzione del sisma 2016.

Aprendo l'evento, Legnini ha affermato: "Penso che chiuderemo la ricostruzione del Centro Italia prima del 2031, ci vorrà meno di 10 anni. Nei primi quattro anni del post-sisma sono stati autorizzati e finanziati circa 5mila piccoli cantieri. Nell'ultimo anno, a seguito delle semplificazioni, ne abbiamo autorizzati 6mila. Se il ritmo sarà questo, servirà meno di un decennio". 

Il commissario straordinario del Governo per la ricostruzione del sisma 2016 ha poi aggiunto: "Ci sono risorse da investire sui borghi e nelle ricostruzioni, c’è il Pnrr e il 110%. Mai come in questo momento storico abbiamo una concentrazione di fondi: questa è un'occasione che non possiamo sciupare per conseguire livelli di sicurezza antisismica i più elevati possibili. Da questo punto di vista, non posso che ringraziare Isi per il lavoro importante sul fronte dell'informazione e della formazione. Noi stiamo cercando di fare proprio questo: prevenire nel ricostruire e possiamo giovarci degli standard di sicurezza rafforzati con le Norme Tecniche di Costruzione 2018 e la disciplina specifica della legge speciale post-sisma".

Ma l'evento non è stato solo l'occasione per parlare della situazione del sisma del centro Italia oggi, la giornata di dibattito dedicata a "La sicurezza sismica del patrimonio edilizio e infrastrutturale italiano" ha visto infatti la presentazione del Manifesto dell'associazione "2021-2026-2031. Per il futuro dell'Ingegneria Sismica Italiana" con i quattro punti cardine alla luce del Pnrr (turismo e cultura 4.0; efficienza energetica e riqualificazione degli edifici; investimenti sulla rete ferroviaria e per la sicurezza stradale 4.0; innovazione, ricerca e digitalizzazione del Servizio sanitario nazionale) e i due argomenti correlati (l'ingegneria sismica nel bacino del Mediterraneo; l'ingegneria sismica nella revisione delle Norme Tecniche per le Costruzioni).

Andrea Barocci, presidente Isi, ha spiegato: "Festeggiamo 10 anni di vita, ma siamo proiettati verso il futuro. Il Paese è cresciuto tanto rispetto alle conoscenze e alle tecnologie antisismiche, dati gli eventi tragici che purtroppo abbiamo subito e che inevitabilmente subiremo. La nostra associazione in questo decennio ha fatto tesoro dei rapporti con le aziende e delle competenze dei suoi professionisti. Siamo pronti a cogliere tutte le opportunità che deriveranno dal Pnrr e puntiamo a una visione dell'antisismica che sia più globale; ecco perché lavoriamo per rafforzare gli scambi di esperienze e capacità nell'intero bacino del Mediterraneo".

Rudy Girardi, vicepresidente dell'Ance (Associazione nazionale costruttori edili), ha affermato: "L'Ance lavora da anni, insieme alla grande filiera del settore, per promuovere la cultura dell'efficienza energetica e della messa in sicurezza del patrimonio immobiliare del Paese. Oggi con il superbonus 110% stiamo andando nella direzione giusta e gli oltre 46mila interventi avviati finora lo dimostrano. Adesso però per raggiungere gli obiettivi prefissati serve dare certezza a famiglie e imprese sul destino di questa straordinaria misura di crescita economica e sviluppo sostenibile definendo con chiarezza la durata e l'entità dell'incentivo che deve essere prorogato integralmente almeno fino al 2023".