Notizie su mercato immobiliare ed economia

Norvegia, una smart city adotta una criptovaluta come moneta ufficiale

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

In Norvegia, la comunità di Liberstad sta tentando il primo esperimento al mondo di città privata e autonoma. Per farlo ha deciso di adottare una criptovaluta come moneta ufficiale.

Si tratta del City Coin, una moneta digitale basata su City Chain, la piattaforma di blockchain che consente di progettare, realizzare e utilizzare servizi di nuova generazione per le smart city e i loro abitanti, che avranno a disposizione anche un’app municipale.

Liberstad è quindi, a tutti gli effetti, una città privata e autonoma seppur all’interno di uno Stato sovrano. Praticamente lo stesso progetto di smart city che vorrebbe realizzare un criptomilionario statunitense nel Nevada. In Norvegia, però, il progetto da pochi giorni è già realtà e l’unico mezzo di scambio accettato è proprio il City Coin.

La criptovaluta, potrà essere utilizzata per ogni tipo di acquisto, “dai tagli di capelli alla spesa”, come viene spiegato anche nel comunicato diffuso dalla City Chain Foundation, inclusi gli stipendi dei lavoratori e i terreni all’interno di Liberstad (già più di 100 ne sono stati venduti in questo modo).

La comunità di Liberstad è stata fondata nel 2015 e fa parte del più ampio progetto Libertania, gestito dall'associazione senza scopo di lucro Liberstad Drift, il cui obiettivo è realizzare una società-città autonoma dall'interferenza del governo, per ovviare le tasse in favore dei servizi finanziati dal settore privato.

I lotti di terreni e proprietà della città sono stati venduti in Bitcoin (BTC) o Norwegian krone nel 2017, a circa 100 potenziali residenti che hanno dichiarato di voler aderire al progetto entro aprile 2018.

John Toralf Holmesland, capo di Liberstad Drift AS, ha dichiarato: "Vogliamo una società in cui le persone decidano su se stesse e possano vivere insieme senza le autorità governative. Vogliamo una società senza la coercizione del governo, il ricatto, la sorveglianza o la violenza non necessaria".