Notizie su mercato immobiliare ed economia

RICS: a Londra si prevede un calo del reddito da locazione nella terza ondata della pandemia

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Gli agenti immobiliari specializzati in case in locazione a Londra sono pessimisti sulle prospettive dei prezzi degli affitti, dopo che la pandemia di coronavirus ha innescato una fuga dalla capitale. Secondo un sondaggio della Royal Institution of Chartered Surveyors (RICS), nel mese di dicembre è stato rilevato un rallentamento più ampio nel mercato immobiliare britannico. Londra è l'unica parte della Gran Bretagna in cui si prevede un calo degli affitti nei prossimi tre mesi.

Il Covid-19 ha colpito duramente Londra e la nuova variante del virus si è diffusa rapidamente, portando le autorità a un terzo lockdown. Con l'ascesa dello smart working, i residenti stanno ora cercando case con più spazio fuori dalla città, dopo anni in cui il mercato immobiliare della capitale ha superato il resto del Paese.

"I potenziali acquirenti continuano a trarre vantaggio dal taglio delle tasse. Un terzo lockdown può rendere i piccoli appartamenti senza spazi esterni i più difficili da valutare e vendere", afferma James Perris, agente De Villiers a Londra.

Questi cambiamenti, insieme al taglio temporaneo della tassa sulle transazioni immobiliari, hanno contribuito ad alimentare il boom delle transazioni altrove, gonfiando i prezzi delle case anche se il Paese deve affrontare una doppia recessione. La domanda di nuovi acquirenti, l'offerta di abitazioni e le vendite hanno continuato a crescere a dicembre, anche se a un ritmo più lento.

"Sebbene il mercato immobiliare rimanga aperto agli affari durante lockdown, c'è la sensazione che le nuove restrizioni influenzeranno ancora le transazioni nei prossimi mesi", ha affermato Simon Rubinsohn, capo economista di RICS. Ma Rubinsohn rimane ottimista sul fatto che i prezzi e gli affitti miglioreranno in tutto il Paese a mano a mano che la crisi del coronavirus si attenuerà.

"Sorprendentemente, il mercato rimane rialzista, mentre ci avviciniamo alla fine del taglio delle tasse sull'acquisto di case. Sebbene attualmente siamo fermi, la domanda è stata forte. Ci sono segnali del fatto che ciò continuerà, poiché gli acquirenti cercano stili di vita diversi", afferma Peter Buckingham, di Andrew Granger & Co nelle East Midlands.

"C'è richiesta di case più grandi nella periferia di Londra. Ciò riflette chiaramente la maggiore necessità di lavorare da casa e la minore necessità di essere vicini all'ufficio", afferma Simon Aldous, agente Savills a Londra.