Notizie su mercato immobiliare ed economia

La leggenda dell'Equitable Building, il primo grattacielo di uffici di New York

Anax44 / Flickr/Creative commons
Anax44 / Flickr/Creative commons
Autore: Redazione

L'Equitable Building non è un grattacielo famoso come il Chrysler Building, l'Empire State Building o le note Torri Gemelle, ma è stato fondamentale nei cambiamenti della città di New York. Di lì sono passate alcune delle più importanti aziende del Paese. Ora ha festeggiato i suoi 150 anni con un restyling.

L'Equitable Building è stato completato nel 1870 con soli otto piani al 120 di Broadway. All'epoca ovviamente non era un punto di riferimento per la sua altezza, ma perché era considerato il primo edificio per uffici al mondo con ascensori per i dipendenti. I piani più belli erano affittati a banchieri e avvocati. 

L'Equitable era costruito in granito, mattoni e ferro ed era considerato così indistruttibile che il suo proprietario, la Equitable Life Assurance Society, scelse di non acquistare un'assicurazione contro gli incendi. Ma in una mattina eccezionalmente gelida del gennaio 1912, un incendio in cucina distrusse completamente l'edificio. L'arroganza fu eclissata solo dall'affondamento del Titanic tre mesi dopo.

Dopo che l'azienda andò in rovina, riuscirono a vendere il terreno alla famiglia Du Pont per 14 milioni di dollari dell'epoca. Il nuovo Equitable Building aveva 38 piani a forma di H e spazio sufficiente per 15.000 lavoratori. E' diventato il più grande edificio per uffici al mondo per dimensione.

Thomas Hawk / Flickr/Creative commons
Thomas Hawk / Flickr/Creative commons

Ma le proteste per le sue enormi misure hanno portato New York City a promuovere la prima legge urbanistica negli Stati Uniti, che è servita a stabilire la costruzione della città e a far sì che i grattacieli non lascino gli altri edifici totalmente all'oscuro.

Gli inquilini dell'Equitable Building sono stati General Electric, Goodyear, Barclays, varie compagnie ferroviarie e persino l'ufficio del procuratore generale dello Stato. L'edificio ha mantenuto i propri dipartimenti antincendio e di polizia e persino una centrale elettrica a carbone.

Nel 1928, poco prima della crisi del '29, l'edificio rappresentava la proprietà di maggior valore della città con 31 milioni di dollari. Era collegato a più linee telefoniche di tutta la Grecia e agli ultimi tre piani l'opulento Bankers Club rivendicava il titolo di club privato più grande del mondo.

Attraverso le sue porte sono passati il ​​banchiere Otto Kahn, i leader Winston Churchill, Charles de Gaulle, Nikita Khrushchev e la regina Elisabetta II. I suoi attuali proprietari, Silverstein Properties, hanno completato una ristrutturazione da 50 milioni di dollari nel 2019, circa 42 milioni di euro in cui sono state conservate barre di bronzo secolari sugli ascensori.