Notizie su mercato immobiliare ed economia

Case di lusso a Londra: il covid e le tasse riducono gli acquisti degli stranieri

Beachump Estates
Beachump Estates
Autore: Redazione

Le misure post-covid imposte dal governo di Boris Johnson per controllare l'ingresso dei non residenti nel Regno Unito e un nuovo rincaro del 2% sulle tasse sugli acquisti di case da parte di cittadini stranieri stanno minando l'operatività del mercato delle case di lusso a Londra. Secondo l'agenzia immobiliare Hamptons International, le transazioni di questi acquirenti facoltosi sono scese al 27% del totale nella prima metà del 2021, il livello più basso dal 2011.

L'imponente mercato delle case di lusso a Londra risente del calo dei compratori esteri, principalmente asiatici e mediorientali. E' quanto emerge dai dati forniti dall'agenzia immobiliare Hamptons International sul ruolo degli acquirenti stranieri di alto standing in una delle città dove sono state registrate alcune delle operazioni più importanti e dove hanno sede alcune delle persone più ricche del mondo.

Nella prima metà del 2021, il 27% delle transazioni nel mercato immobiliare di lusso a Londra è stato effettuato da acquirenti stranieri. Si tratta del dato più basso da quando l'agenzia ha preso le statistiche nel 2011, quando di solito rappresentano la metà delle vendite per questo tipo di case milionarie.

La pandemia e le tasse potrebbero spiegare, in parte, questi dati sulle case di lusso. Le conseguenze dello scoppio della crisi da Covid-19 hanno avuto un impatto importante sull'attività nel residenziale di lusso da parte degli acquirenti esteri. Le misure di controllo dei viaggiatori imposte dall'esecutivo di Boris Johnson per contenere il Covid-19 hanno ridotto la loro capacità di movimento. Anche se nel corso del 2020, in piena pandemia, gli stranieri hanno monopolizzato il 48,6% delle operazioni.

C'è poi l'aumento dei costi di transazione. Dallo scorso aprile, gli acquirenti stranieri devono pagare una maggiorazione del 2% sull'imposta di bollo. Inoltre, il cambio dalla sterlina al dollaro è aumentato di circa il 6% negli ultimi 12 mesi.

"Il ritorno degli acquirenti internazionali è ancora strettamente legato al coronavirus. Prevediamo che il loro numero inizierà ad aumentare verso la fine dell'anno e nel 2022 con l'apertura dei viaggi", ha affermato Aneisha Beveridge, responsabile della ricerca di Hamptons.

I prezzi nei quartieri più ricchi della città erano praticamente stagnanti anche prima della pandemia, dopo una serie di aumenti delle tasse e l'incertezza seguita al voto sulla Brexit del 2016. Secondo i dati LonRes, i prezzi sono aumentati in media dell'1,7% su base annua a luglio.