Notizie su mercato immobiliare ed economia

L'europa frena le vendite online

Autore: Redazione

Da bruxelles sono in arrivo nuove norme per regolare il mercato (in crescita) delle vendite su internet. Lo scopo dichiarato è quello di tutelare i consumatori, perché risulta che il 61% degli ordini da un paese all'altro non va in porto. Ma secondo gli operatori sono scelte restrittive e illiberali

Spesso la causa degli intoppi nell'invio non sono necessariamenti imbrogi o truffe, ma anche legislazioni diverse tra vari paesi. Per questo l'unione europea vuole armonizzare le varie leggi sui diritti dei consumatori

Protesta però amazon, secondo cui "si vuole obbligare i venditori puramente virtuali ad avere prima un negozio fisico, in cui si vendono un certo quantitativo del prodotto che vendono"

La partita non è comunque chiusa e la commissione studierà delle forme per tutelare gli oltre 150milioni di cittadini ue che almeno una volta hanno acquistato su internet, per un giro d'affari complessivo che nel 2006 superava già i 106 miliardi di euro. La maggior parte del mercato online è concentrato in gran bretagna, francia e germania