Notizie su mercato immobiliare ed economia

Stangata sui risparmi per tutti gli italiani. Tranne uno

Autore: Redazione

Potrebbe essere una stangata quella prevista dalla bozza di manovra economica sui depositi titoli. Si tratta dei conti destinati agli investimenti in titoli di stato, fondi comuni di investimento, obbligazioni e azioni. Con i balzelli previsti dalla manovra gli italiani rischiano di veder sfumare in tasse quasi tutto il ricavato dei titoli. Ma la manovra non si abbatte su tutti: spunta all'improvviso una norma che, guarda caso, salva berlusconi dal dover pagare 750 milioni di euro sul lodo mondadori

Secondo i calcoli del corriere della sera per chi ha diecimila euro di bot a un anno, tra spese e tasse, c'è il rischio di ritrovarsi con 10 euro di ricavi in mano (clicca qui per l'analisi completa)

Come cambierà il bollo sui titoli:

L'aumento dagli attuali 34,20 euro annuali (pagabili in un'unica soluzione oppure con periodicità mensile, trimestrale o semestrale) ai 120 euro varrà infatti fino al prossimo anno. Dal 2013 in poi l'imposta diventerà di 150 euro annuali «relativamente ai depositi di titoli il cui complessivo valore nominale o di rimborso presso ciascuna banca sia inferiore a 50mila euro» e salirà addirittura a 380 euro per i dossier contenenti titoli per un valore nominale superiore a tale soglia

Mentre la bozza di manovra va cambiando di ora in ora (dovrebbe infine rientrare il super bollo sui suv) l'ultima novità è il capitolo sulla norma risarcimenti. Se passasse così come appare nel testo, sarebbero sospese le condanne oltre i 20 milioni di euro. Quella che adesso è una facoltà del giudice, viene di fatto resa legge attraverso due modifiche al codice di procedura civile

Ma cosa ci fa in una manovra economica una modifica del codice civile? è quello che si chiedono tutti. Ma l'effetto si sa: il maxi risarcimento che berlusconi potrebbe corrispondere a de benedetti sul caso mondadori, di 750 milioni di euro, salterebbe. Il presidente del governo, già condannato in primo grado, aspetta la sentenza del secondo grado per sabato 9 luglio. Guarda caso