Notizie su mercato immobiliare ed economia

E alla fine fu un fallimento: facebook crolla in borsa e gli azionisti fanno causa a zuckerberg

Autore: Redazione

Doveva essere il più grande successo dai tempi di google, ma l'esordio in borsa del più cliccato dei social network è stato ben lontano dalle aspettative. E c'è chi parla- in concreto la prestigiosa rivista forbes- di un vero e proprio fallimento. Le azioni del social network -fissate venerdì ad un valore iniziale di 38 dollari l'una- hanno perso circa il 12% nella borsa di new york

E i problemi per il network di mark zuckerberg sono solo iniziati: un gruppo di azionisti hanno infatti avviato un'azione collettiva contro il fondatore e morgan stanley (che ha seguito la quotazione in borsa) l'accusa? quella di non aver tempestivamente comunicato agli investitori che, già prima del debutto, gli analisti avevano ridimensionato le stime di crescita di facebook. Ma la società si difende e promette battaglia

Oltre a decretare il fallimento del social network, forbes ha anche cercato di capire le cause del flop. Prima di tutto il debutto sarebbe stato un poco tardio e avvenuto in un mese- maggio- tradizionalmente negativo per i debutti in borsa. Considerando, inoltre, che il mercato si trova in un periodo di grande incertezza a causa dell'europa. Facebook non ha lasciato niente agli investitori comuni. Investitori che, in generale, non sono molto amati da mark zuckerberg che sembra fosse contrario al debutto in borsa. Le altre ragioni sono legate alle caratteristiche di facebook: il fatto che non si tratti di uno strumento necessario, che l'industria dei social media non sia vista come molto affidabile e, dulcis in fundu, che dopo tanto successo facebook abbia cominciato ad annoiare