Notizie su mercato immobiliare ed economia

Liquido, affarista o immobile. Come ti difendi dalla crisi dell'euro?

foto: imelenchon (morguefile.com cc)
Autore: Redazione

Sgomenti di fronte alla crisi dell'euro, gli italiani hanno paura per i propri risparmi. Anche se adesso i riflettori sono tutti sulla spagna, il copione sembra ripetersi e siccome dopo ogni paese salvato se ne ammala un altro, i prossimi potremmo essere noi. Di fronte alla peggiore delle eventualità, un crollo della moneta unica, i risparmiatori si dividono in diverse tipologie. Tu a quale appartieni?

1. Resto liquido. Chi opta per tenere i propri risparmi sotto forma di liquidità ha il vantaggio di poterne disporre immediatamente, ma il timore di un crollo dell'euro, con una immediata svalutazione di una ipotetica nuova valuta nazionale, farebbe sfumare in un colpo solo una buona percentuale del capitale

2. Compro un immobile. Nonostante l'imu, molti italiani in fondo la pensano così: vada come vada, ti resta un tetto da lasciare ai figli. Le discese dei prezzi di questi ultimi mesi potrebbero dare un impulso a partire dal 2013, sebbene diversi esperti di investimenti sconsiglino gli investimenti immobliari, almeno per chi ha pochi risparmi, perché i prezzi potrebbero scendere a lungo. D'altro canto, tuttavia, diverse ricerche mettono in luce come nel lungo periodo l'immobiliare resta un investimento sicuro

3. Compro valute straniere. Meglio diversificare, ma gli analisti consigliano in questo momento la corona norvegese e quella svedese, dato che il franco svizzero è ampiamente gonfiato e la banca centrale elvetica non ha nessuna voglia che questa situazione duri a lungo

4. Compro oro. Forse è un po' tardi, visti che i grandi aumenti il prezioso metallo li ha già accumulati e il rischio è di pagare troppo in questo momento, sebbene, un eventuale crollo dell'euro, farebbe lievitare ulteriormente i listini. Se vive in europa e si scommette sulla crisi dell'euro, senza essere un miliardario con casa alle isole cayman, è comunque come darsi la zappa sui piedi

5. Investo in borsa. Bruciati dalle perdite clamorose di qualche anno fa, molti risparmiatori la borsa non la vogliono vedere neanche da lontano. Le azioni delle grandi imprese, tuttavia, con rischi bassi, difficilmente deludono, anche se non fanno diventare ricchi. Gli esperti consigliano sempre di differenziare il portafoglio

Poi c'è sempre l'ipotesi di portare i soldi all'estero, seguendo la via legale o imboscandosi lungo la frontiera con la svizzera. Sebbene questi comportamenti peggiorino la situazione generale, è inutile nascondere il fatto che sono ampiamente praticati

Ovviamente, per chi non affatto dei risparmi, il problema non si pone

Articolo visto su
(idealista.it/news)