Notizie su mercato immobiliare ed economia

Al via il nuovo redditometro, tolleranza del 20% tra reddito e spese dichiarate

Autore: Redazione

L'agenzia delle entrate ha messo a punto il suo nuovo piano anti-evasione e ha dato il via al redditometro. Lo strumento che ha disposizione dati più consistenti  prevede una tolleranza del 20% tra reddito dichiarato dai contribuenti e spesa manifestata

Fai la simulazione con il redditest online

Nella circolare diffusa dall'agenzia delle entrate, si chiarisce che il nuovo metodo di accertamento, che  si applica a partire dal 2009,  prevede un doppio contraddittorio con il contribuente e l'uso di spese e dati certi senza tener conto delle medie istat. Sotto il mirino ci saranno i contribuenti "per i quali è emerso un significativo scostamento tra reddito dichiarato e spese sostenute rientranti tra le spese certe"

Nel corso del primo contradditorio, il contribuente potrà dimostrare che le spese effettuate sono state finanziate con redditi che l'agenzia non conosce perché tassati alla fonte e esclusi dalla base imponibile. Nel caso le spiegazioni siano esaustive non si procederà al secondo contraddittorio, quando ad essere valutate saranno anceh le spese per beni di uso corrente, calcolate sulla base delle medie istat. Solo nel caso in cui non si trovi un accordo, il fisco emetterà un avviso di accertamento

Il piano anti-evasione per il 2013 prevede anche il fisco dedicherà un'attenzione speciale ai grandi contribuenti, imprese di medie dimensioni, imprese minori e lavoratori autonomi, nonché soggetti che beneficiano di regimi agevolati