Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il paradosso delle case vacanze: gli europei che guadagnano di più sono quelli che comprano meno le seconde abitazioni

Autore: Redazione

Un cittadino europeo su sei possiede una seconda casa. Ma la proporzione cambia notevolmente da Paese a Paese. Mentre oltre il 20% dei greci, polacchi, slovacchi e spagnoli afferma di avere due case, solo il 5,4% dei tedeschi, il 5,6% degli olandesi e il 7% dei britannici ha un’abitazione in più. A influenzare un eventuale investimento in una dimora diversa da quella principale più che i fattori economici ci sono quelli socioculturali.

In particolare, lo stipendio medio non è direttamente legato alla decisione di comprare una seconda casa. Dei 12 Paesi analizzati, quelli nei quali si registrano gli stipendi più elevati sono anche quelli nei quali si registra un minore investimento nel mattone, soprattutto quando si parla di seconde case. Ad evidenziarlo uno studio realizzato da Re/Max Europa.

Solo il 5,4% dei tedeschi, che godono di uno stipendio medio pari a 2.609 euro lordi al mese, sono propensi all’acquisto di una seconda casa. La percentuale sale un po’ in Finlandia, dove lo stipendio medio è di 2.735 euro lordi al mese, raggiungendo il 12,1%. Ma torna a scendere con gli olandesi, che hanno i redditi più elevati (2.703 euro lordi al mese). Appena il 5,6% degli olandesi afferma di avere due case. La Svezia completa il trio di Paesi con il salario più elevato. Con 2.617 euro lordi al mese, solo l’11,8% degli svedesi dice di avere due case. Per quanto riguarda i britannici, pur con 2.596 euro lordi al mese, appena il 7% possiede due abitazioni.

Al contrario, i Paesi con un minore salario medio registrano un maggior numero di cittadini che hanno deciso di acquistare una seconda casa. Nonostante i gravi problemi economici degli ultimi anni, in Grecia il 32,8% dei cittadini sostiene di possedere due case. Seguono i polacchi, con una parcentuale pari al 25,1% e uno stipendio pari a 716 euro lordi al mese. In Spagna, con uno stipendio medio di 1.634 euro lordi al mese, è il 20,4% dei cittadini a dichiarare di avere un’abitazione in più rispetto a quella principale. Per quanto riguarda l’Italia, con uno stipendio medio pari a 2.022 euro lordi al mese, la percentuale di chi dichiara di possedere una seconda casa è pari al 15,2%.

A livello europeo, la seconda casa viene utilizzata per motivi di lavoro nell’8,7% dei casi. La maggior parte degli europei con due abitazioni sfrutta la seconda casa per le vacanze o per il relax del fine settimana.