Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come stabilire il prezzo di vendita della propria casa

Autore: @davidmarrero

Stabilire qual è il prezzo adeguato per una casa da mettere in vendita non è cosa semplice, sono tante le variabili in gioco: la zona in cui si trova l'immobile, la presenza o meno nelle vicinanze di nuovi edifici, il target a cui ci si vuole rivolgere. Per fare la differenza con il resto delle offerte e non “bruciare” il proprio prodotto, secondo l’agenzia spagnola Alfa Inmobiliaria bisogna osservare con attenzione la concorrenza, analizzare il profilo dell’acquirente e valutare lo stato della casa.

I criteri per stabilire il prezzo di vendita di un’abitazione sono molteplici e differenti tra loro. Ecco tre punti fondamentali da non perdere di vista.

Consultare tutti i siti specializzati presenti sul web – E’ bene consultare tutti i siti specializzati presenti sul web e paragonare la propria casa con quelle simili messe in vendita. E’ opportuno ricordare che il prezzo menzionato è quello di partenza, non quello finale. Si deve quindi considerare uno sconto tra il 5 e il 15%.

Analizzare il profilo dell’acquirente – Se l’immobile in vendita si trova in una zona dove vive la classe medio-bassa, bisogna considerare che si tratta di quella parte della popolazione che ha risentito di più della crisi economica e che quindi probabilmente sarà necessario negoziare sul prezzo. Al contrario, se la casa si trova in una buona zona, in cui l’offerta è scarsa, è possibile chiedere qualcosa in più (si parla di un 10% in più) rispetto a un anno fa.

Valutare lo stato della casa – E’ poi opportuno valutare lo stato generale della casa e considerare che il potenziale acquirente chiederà uno sconto sul prezzo pari all’investimento che dovrà fare per ristrutturare l'immobile.