Notizie su mercato immobiliare ed economia

La sfida del sindaco Sala per Milano: “Più case low cost”

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Milano sta crescendo e sta diventando sempre più giovane. Questi due fattori rendono necessario ripensare la struttura della città, rendendola più accogliente e accessibile. E il sindaco del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala, non si tira indietro. Lanciando una sfida importante: “Nel futuro più case low cost a Milano”.

Secondo i dati del Cresme, negli ultimi anni gli abitanti di Milano sono aumentati a ritmo sostenuto e per il 2035 se ne prevedono un milione e 780mila. Una fetta importante è costituita dai giovani. In particolare, dal 2014 ad oggi la città ha attirato a sé un numero sempre maggiore di ragazzi, soprattutto quelli di età compresa tra i 25 e i 29 anni, ossia coloro che finiscono l’università e cercano lavoro.

Una crescita che fa bene alla città, ma che trova un ostacolo sul fronte abitativo. E’ difficile, infatti, riuscire a trovare una casa a prezzi contenuti. Lo sa per primo il sindaco Sala, che – come evidenziato dalla Repubblica – non vuole rinunciare a questa fetta della popolazione ed è quindi favorevole a dare il via alla ristrutturazione e alla rigenerazione del territorio con il chiaro obiettivo di permettere ai giovani in arrivo a Milano di trovare una casa.

Oggi, acquistare una casa a Milano in media costa 3.924 euro al metro quadrato (si va dagli 8.037 euro del centro ai 2.429 euro dell’estrema periferia). Sul fronte affitti, poi, i prezzi si aggirano attorno ai 143 euro al metro quadrato in un anno. Se poi si guarda ai posti letto o alle singole cercate dagli studenti, i prezzi salgono alle stelle.

Di recente Sala ha affermato: “Milano ha vissuto per anni di speculazione edilizia, costruendo case che poi non si vendevano facilmente. Invece in tutto il resto d’Europa si è costruito a prezzi più bassi, con rendimenti più bassi, ma più certi e così si è dato modo anche a chi non ha un alto reddito di avere una casa”. Un invito a invertire la rotta e a costruire più alloggi low cost. A fargli da eco l’assessore all’Urbanistica, Pierfrancesco Maran, che ha sottolineato l’esigenza di un maggior numero di case in affitto.

Su questo fronte, intervenendo all’evento organizzato da idealista “immonext 2017”, Gabriele Rabaiotti, assessore alle Politiche abitative e alla casa del Comune di Milano, ha evidenziato come sia cruciale che pubblico e privato trovino un punto d’accordo per stimolare l’offerta di abitazioni in locazione a canone calmierato per rispondere all’esigenza di tanti giovani.