Notizie su mercato immobiliare ed economia

Quanto costa la sospensione delle aste immobiliari

Autore: Redazione

Un effetto domino che coinvolge anche il settore del mattone, a tutti i livelli e segmenti. Il centro studi sulle esecuzioni immobiliari, infatti, lancia l’allarme e stima in un miliardo di euro il danno economico per le aste giudiziarie saltate per il coronavirus.

Il danno economico, secondo le stime dell’ Osservatorio T6, è calcolabile, per un solo mese, in circa un miliardo di euro, oltre alle spese accessorie di rinnovo degli adempimenti pubblicitari e gestionali che, approssimativamente, aggiungono ulteriori 10 milioni di costi.

Per il presidente dell’associazione, Stefano Scopigli “nonostante l’Osservatorio T6 sia tradizionalmente attento ai tempi di gestione delle esecuzioni immobiliari, ritiene decisamente necessario che si giunga a una sospensione generale degli esperimenti d’asta, per almeno trenta giorni, con una decisione che coinvolga tutti i tribunali italiani”.

Certamente il ritardo delle aggiudicazioni porterà importanti ripercussioni sui business plan predisposti dalle società creditrici ma, secondo l’Osservatorio T6, questo potrà essere ampiamente compensato dalla mancata riduzione dei valori di aggiudicazione.

Preoccupa ulteriormente, per le notizie che giungono dai vari tribunali, la riduzione o la sospensione delle attività, per quanto riguarda l’avvio degli atti nelle esecuzioni immobiliari: è ipotizzabile un forte ritardo nell’attività dei CTU per le stime, le circa 3.500 udienze di fissazione delle vendite ( ex art. 569 cpc) potranno subire un rinvio di circa 120 giorni e tutti gli adempimenti susseguenti.

Difficile calcolare il danno economico per banche e servicer, ma sicuramente il danno sarà importante. L’effetto negativo si riverserà sicuramente anche sull’andamento delle GACS (Garanzie cartolarizzazione  sofferenze), già sotto la lente di Banca d’Italia durante questo mese. Si tratta, quindi, di un danno sistemico che necessita di un intervento di sostegno legislativo, cosi come si sta prevedendo per tutti gli altri settori produttivi italiani.

Nell’era delle aste telematiche, non ancora adottate in tutti i Tribunali, si comprende, finalmente, che l’asta è soltanto la finalizzazione di un lungo lavoro preliminare legato alle visite degli immobili ed alla gestione delle custodie e ad altri adempimenti di cancelleria non meno importanti. Il diffondersi dell’allarme rende quindi difficile un sereno svolgimento della fase preliminare all’asta.

Il rischio, per le parti in causa, debitori e creditori, è quello di arrivare ad aste deserte: per effetto delle ordinanze, che prevedono automatici esperimenti successivi, si rischierebbe un ribasso del 25% per la successiva asta.