Notizie su mercato immobiliare ed economia

Misure anti crisi, proroga per il blocco degli sfratti oltre che per la cassa integrazione

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il decreto rilancio ha approvato un’ulteriore proroga alla cassa integrazione in deroga e ordinaria. Ma non è l’unica misura anti crisi rinnovata dal governo. Un emendamento, infatti, estende anche lo stop agli sfratti che inizialmente sarebbe dovuto terminare a settembre.

Il blocco delle esecuzioni di sfratto era stato introdotto già dal decreto Cura Italia e prorogato prima al 30 giugno e poi al 1° settembre. Ora, con l’emendamento proposto da Leu e Pd e approvato in commissione Bilancio della Camera, la misura viene estesa fino al 31 dicembre 2020. Ma le novità non riguardano solo le tempistiche.

Il Cura Italia aveva stabilito lo stop per le procedure di sfratto per morosità pendenti, posticipandone gli effetti e garantendo gli inquilini morosi durante il periodo del lockdown, senza prevedere nessuna sospensione  del pagamento del canone di locazione, salvo il recesso anticipato per giusta causa. In caso di morosità durante l’emergenza sanitaria, dunque, il proprietario di casa potrebbe quindi intraprendere le procedure per lo sfratto.

Nel frattempo, il presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa ha dichiarato: “Il blocco degli sfratti è un atto da irresponsabili e un insulto al diritto di proprietà. Gli italiani che hanno appena versato i primi 11 miliardi dell’Imu 2020, che il Governo non si è neppure degnato di rinviare, se ne ricorderanno”.