Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mercato immobiliare negli Usa, luglio da record grazie alle periferie

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

La vendita di case in Usa a luglio segna un livello record. Nonostante la pandemia stia danneggiando i grandi centri, infatti, sarebbero le abitazioni suburbane a spingere il mercato anche grazie ai bassi tassi dei mutui.

Secondo quanto riportato da Finanzaoperativa.com, l’analisi di Wings Partners Sim sui dati statunitensi sottolinea come “le vendite di nuove case negli Stati Uniti abbiano raggiunto il livello più alto in quasi 14 anni a luglio, poiché i bassi tassi ipotecari hanno contribuito ad alimentare il boom delle costruzioni suburbane. Gli acquisti di nuove case unifamiliari sono aumentati del 13,9% da giugno e il prezzo di vendita medio è aumentato del 7,2% rispetto all’anno precedente a 330.600 dollari. ll mercato è così forte che i costruttori devono aumentare i prezzi per rallentare il ritmo delle vendite e assicurarsi che la domanda non superi l’offerta, circa il 70% dei costruttori intervistati da Bloomberg ha dichiarato a luglio, di aver aumentato i prezzi del 27% rispetto a luglio dello scorso anno. Mentre il mercato immobiliare si dimostra solido, la fiducia dei consumatori statunitense è scesa nuovamente nel mese di agosto a 84,8 punti, il livello più basso dall’inizio della pandemia, rispetto ai 93 previsti. I consumatori si sono inaspriti sulle condizioni di lavoro e commerciali, indicando che gli americani stanno diventando scoraggiati a causa della persistente alta disoccupazione”.

Dati confermati da RE/MAX che vede nel luglio 2020 un mese record, con vendite immobiliari aumentate dell'8,7% rispetto a luglio 2019. Luglio ha infatti stabilito un record delle vendite immobiliari per la maggior parte dei 53 mercati analizzati. Complessivamente, nei primi sette mesi dall'inizio del 2020, le vendite sono state inferiori solo del 4,8% rispetto al 2019; un trend quindi in ripresa se comparato alla fine di maggio, quando il totale delle vendite segnava un -8,9% sull’anno precedente. Analizzando i singoli mesi del 2020, in quattro su sette le vendite hanno superato il 2019.

Allo stesso tempo, il mese di luglio ha visto un decremento dell’offerta del 30,1% rispetto a luglio 2019, un record del report, ed è stato il nono mese consecutivo di diminuzioni a due cifre, anno su anno. Gli 1,7 mesi di andamento di vendita media mensile di luglio hanno segnato solo il secondo mese nella storia del report caratterizzato da un’offerta inferiore a 2 mesi. Anche tenendo conto delle diminuzioni anno su anno, l'inventario degli immobili raggiunge tipicamente il suo apice durante i mesi estivi. Il prezzo di vendita medio di luglio, pari a $285.000, è aumentato del 8,6% anno su anno. Un andamento in linea con gli incrementi dei prezzi pre-pandemia, ad esclusione dei mesi di maggio e giugno, rispettivamente 4,7% e 1,9%. I giorni sul mercato sono stati in media 44, allineandosi ai 43 del luglio precedente

"Il forte aumento delle vendite registrato a luglio - che è stato il miglior mese nella storia del nostro report - è un'ulteriore conferma della ripresa del mercato immobiliare nonostante la pandemia", ha affermato Adam Contos, CEO di RE/MAX Holdings. "Solitamente le vendite immobiliari raggiungono il picco nei mesi di maggio e giugno. Quest'anno stiamo assistendo a una sovrapposizione dei mercati di primavera ed estate. Nonostante i risultati da record messi a segno a luglio, le vendite avrebbero potuto essere ancora più elevate se l’offerta non fosse stata così limitata".

E continua: "Gli acquirenti sono tornati sul mercato più rapidamente dei venditori, probabilmente spinti, da un lato, dai tassi di interesse molto bassi; dall’altro, dal cambiamento degli stili di vita determinati dall’emergenza sanitaria. Tra gli effetti della pandemia sicuramente anche nuovi stili dell’abitare, legati spesso alla necessità di lavorare da casa. Finora gli acquirenti hanno dimostrato di essere disposti a pagare prezzi in costante aumento, quindi i mesi a venire potrebbero essere molto intensi, soprattutto se crescerà l’offerta di immobili".