Notizie su mercato immobiliare ed economia

Prezzi e affitti a Milano con il coronavirus, vincono i quadrilocali

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Prezzi di vendita e locazione in calo a settembre a Milano. Lo dicono i dati rilevati da Maiora Solutions, start-up innovativa che sviluppa la piattaforma Epona, lo strumento di intelligenza artificiale utile a monitorare il mercato immobiliare utilizzando i big data.

Nel report di settembre, realizzato analizzando centinaia di annunci di vendita e locazione sui principali portali dai giorni immediatamente successivi al lockdown ad oggi, si fotografano 35 quartieri del capoluogo lombardo aggregati in 3 diverse aree geografiche della città: centro storico, entro la circonvallazione, oltre la circonvallazione.

Maiora Solutions
Maiora Solutions

Prezzi delle case a Milano dopo il lockdown

Per quanto riguarda le vendite del mese di settembre a Milano, si è assistito ad una progressiva discesa dei prezzi per tutte le tipologie di appartamento; servirà monitorare la situazione per capire se si è di fronte a una discesa generalizzata dei prezzi. Non si evidenziano invece differenze particolari nei diversi quartieri: il mercato si sta muovendo in maniera uniforme in tutta la città, con l’eccezione delle piccole metrature in centro città, che mantengono i prezzi meglio rispetto alla periferia.

In particolare queste sono le principali evidenze:

  • Il prezzo al metro quadro dei monolocali e dei bilocali, seppur con andamenti differenti, ha registrato un decremento dell’1% rispetto all’inizio del mese.
  • Risultati negativi anche per trilocali e quadrilocali che registrano una diminuzione del prezzo al metro quadro rispettivamente del 2% e del 5%.
  • Monolocali e quadrilocali si sono caratterizzati per un andamento piuttosto altalenante. Il trend di bilocali e trilocali, al contrario, è risultato più costante.

Quanto ai prezzi al metro quadro post lockdown:

  • I monolocali sono la tipologia abitativa che più sta soffrendo in termini di variazione di prezzo al metro quadro, con una diminuzione molto marcata. Alla fine del periodo considerato hanno raggiunto una variazione negativa pari al 14,2%.
  • Diminuzione post lockdown anche per prezzo dei bilocali che, alla fine del periodo, si attesta all’8,7%. Dato che sembra confermare una maggiore difficoltà delle abitazioni di più piccola metratura.
  • Leggero aumento (0,7%) del prezzo al metro quadro dei trilocali, caratterizzati da un trend molto stabile nel periodo.
  • Crescita rilevante del prezzo al metro dei quadrilocali da inizio rilevazione fino a fine agosto (+10,6%). La costante diminuzione dei primi 20 giorni del mese di settembre, tuttavia, non è stata sufficiente ad annullare l’incremento dei mesi precedenti.

Canoni di affitto a Milano dopo il lockdown

Per gli affitti, prosegue una discesa molto robusta dei prezzi di monolocali, bilocali e trilocali. Aumentano invece i prezzi dei quadrilocali. La ragione è da identificare nel forte aumento dell’offerta di appartamenti in affitto, già constatata a fine agosto: la quantità di bilocali e trilocali messi in vendita tra la fine di luglio e la fine di settembre è infatti aumentata di oltre il 50%.

In particolare:

  • I prezzi mensili di affitto degli immobili a Milano sono variati in modo piuttosto uniforme tra le diverse tipologie di appartamento. Andamento più variabile solo per i quadrilocali che sono anche l’unica tipologia di immobile che non registra una diminuzione nel periodo.
  • Il prezzo di locazione di monolocali, bilocali e trilocali è diminuito in modo lineare e costante durante il mese di settembre, registrando alla fine del periodo, diminuzioni del 2% per i monolocali e del 4% per le altre due tipologie di abitazione.
  • Dalla fine del lockdown i prezzi mensili di affitto di monolocali, bilocali e trilocali hanno registrato andamenti piuttosto in linea tra loro, anche se con diminuzioni percentuali finali differenti, rispettivamente del 4,8%, 8% e 14,4%.
  • In netta controtendenza la variazione del prezzo di locazione dei quadrilocali. Questa tipologia di abitazione, caratterizzata da un trend molto variabile, ha raggiunto un aumento del 18,7%.