Notizie su mercato immobiliare ed economia

Investimento nel coworking, perché conviene

Un'analisi di Cushman&Wakefield

coworking
Perché investire in coworking / Gtres
Autore: floriana liuni

Perché le soluzioni di coworking possono essere un buon asset in cui investire nell’immobiliare? L’analisi di Cushman&Wakefield.

Globalmente, secondo il rapporto “Corporate Real Estate Executive Perspectives on Coworking” di Cushman&Wakefield, sono 125 milioni gli “square feet” investiti in spazi di lavoro comune: asset che sono entrati nei portafogli di diverse multinazionali con l’intento di diversificare il proprio range di investimento ma anche di utilizzare in prima persona le soluzioni di real estate per i propri dipendenti.

In generale, il 12% delle aziende che hanno risposto alla survey globalmente utilizza soluzioni di coworking per i propri impiegati, tra cui il 13% nell’area Emea, l’11,9% nell’area Asia Pacifico e il 10,8% nelle Americhe. Nei prossimi cinque anni nell’area Asia Pacifico si giungerà oltre il 25% di utilizzo, seguito dal 23% nelle Americhe e dal 21,7% nell’area Emea.

Cushman&Wakefield
Cushman&Wakefield

Definito come l’”entry level” dello spazio di lavoro flessibile (caratterizzato invece, più propriamente, dall’assenza di una postazione fissa), uno spazio di coworking è caratterizzato più che altro dai servizi che creano l’esperienza lavorativa e la cultura aziendale. Un asset, quindi, evoluto rispetto all’investimento in uffici, che presenta i suoi pro e contro.

Nella survey di Cushman & Wakefield emerge che circa i due terzi degli intervistati utilizzano al momento il coworking nel proprio portafoglio, e che solo il 10% lo percepisce in chiave negativa.

Perchè conviene investire nel coworking? Ad esempio per quanto riguarda i costi, che sono calati almeno del 5% utilizzando il coworking per il 34% del campione. Al contrario, aumentano di oltre il 5% per il 20% degli intervistati. L’aspetto dei costi è comunque considerato neutrale dalla gran parte delle aziende nell’area Emea e Asia Pacifico. Un terzo degli intervistati nell’area delle Americhe hanno invece visto riduzioni di costo utilizzando soluzioni di coworking.

Cushman&Wakefield
Cushman&Wakefield

Tra i contro individuati dai rispondenti alla survey, invece, i maggiori rischi in sicurezza digitale, la minore coesione aziendale e privacy personale, ma anche una minore soddisfazione degli impiegati, una loro minore efficienza e in qualche caso un aumento dei costi di gestione.

Cushman&Wakefield
Cushman&Wakefield