Notizie su mercato immobiliare ed economia

Un hotel di campagna spagnolo finisce all'asta: la base per le offerte è di solo 1 euro

Escrapalia.com
Escrapalia.com
Autore: Europa Press

Un albergo spagnolo, nella campagna di La Iglesuela del Tiétar (in provincia di Toledo), è finito all'asta ad un prezzo simbolico: solo 1 euro. 

El Tejarejo (questo è il nome dell'hotel) ha un valore stimato di 617.000 euro, dispone di 719 m2 utili e 37.000 m2 di terreno e ha 9 camere con con capienza da due a quattro persone, oltre ad poter contare su di un parcheggio, una piscina all'aperto con giardino e terrazza, sauna, tre sale riunioni, ristorante, lounge bar, biblioteca e due sale cinematografiche.

Escrapalia.com
Escrapalia.com
Escrapalia.com
Escrapalia.com
L'asta stragiudiziale, dovuta alla liquidazione di una società situata nella provincia di Toledo, sarà aperta dal 14 settembre al 16 novembre e si svolgerà attraverso la piattaforma di aste online Escrapalia.

La proprietà si trova in uno spazio naturale tra la Sierra de Gredos e la Valle del Tiétar, a 115 chilometri da Madrid, 120 da Toledo e 90 da Ávila.

Escrapalia.com
Escrapalia.com

Escrapalia.com informa che qualsiasi individuo, fondo di investimento o azienda può accedere a un'asta digitale come questa, per la quale basta registrarsi gratuitamente sul portale delle aste.

"Questo format vuole facilitare l'accesso a questo tipo di immobili, in maggioranza provenienti dalle principali sedi fallimentari, anche da Pubbliche Amministrazioni, banche o grandi società, con sconti fino al 90% del valore di mercato", affermano dalla piattaforma specializzata.

Trattandosi di un immobile in via giudiziale, una volta notificato il vincitore, verranno concordati i termini con il curatore fallimentare per la sottoscrizione del contratto di deposito a garanzia del rispetto dei termini dell'atto. In caso di mancata sottoscrizione si procederà direttamente alla vendita.

Come precisato dalla piattaforma d'aste, è necessario lasciare un deposito a garanzia di 30.000 euro. Inoltre, la plusvalenza e le spese del notaio sono a carico dell'acquirente, così come le spese di gestione, che si attestano al 4%.