Notizie su mercato immobiliare ed economia

Imu parti condominiali, non si paga per i campi da tennis

Cosa dice la sentenza della Ctr di Milano
Cosa dice la sentenza n. 3262 della Ctr di Milano / Gtres
Autore: Redazione

La Ctr di Milano, sezione XXII, con la sentenza 3262 si è espressa in merito al pagamento dell’Imu per le parti condominiali, nello specifico per i campi da tennis del condominio. Vediamo quanto evidenziato.

Secondo quanto stabilito, i campi da tennis di cui è titolare un supercondominio sono esenti dall’Ici e quindi anche dall’Imu e dalla Tasi. Un condominio deve essere equiparato a un ente no profit se l’attività viene svolta in forma non commerciale, in quanto i condomini non pagano uno specifico compenso, ma versano solo le spese di gestione in proporzione ai millesimi di proprietà. Piuttosto, l’attività ha scopi solidaristici perché consente di usufruire di un bene ai suoi proprietari.

I giudici di appello hanno sottolineato che “nel caso in questione non è discusso che i campi di tennis siano destinati all’esercizio di attività sportiva e che non esistano modalità commerciali nella loro gestione in quanto non risulta che per il loro utilizzo i condomini paghino uno specifico compenso, partecipando solo alle spese di gestione in proporzione ai millesimi di proprietà”.

Il regolamento condominiale inoltre esclude l’utilizzo da parte di terzi. Quindi, il supercondominio deve essere equiparato a un ente non commerciale. Del resto, secondo la tesi del giudice di merito, si tratta di un ente che non svolge attività commerciale e che permette di usufruire di un bene ai suoi proprietari.

Articolo visto su
Niente Imu per i campi da tennis del condominio (Italia oggi)