Notizie su mercato immobiliare ed economia

Novità per l'attestato di prestazione energetica 2020, arriva il portale Siape

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Ci sono novità per l'attestato di prestazione energetica 2020. E' stato presentato il nuovo portale Siape, realizzato e gestito dall'Enea, per la raccolta degli Ape.

Aprendo il webinar di presentazione del nuovo portale Siape, il presidente dell'Enea, Federico Testa, ha affermato: "Il nuovo portale Siape per la raccolta degli Attestati di Prestazione Energetica (Ape), realizzato e gestito da Enea può dare un contributo di grande rilievo sul fronte degli interventi di efficienza energetica nel nostro Paese".

Il nuovo portale per l'attestato di prestazione energetica raccoglie 1,7 milioni di Ape emessi tra la fine del 2015 e il 2020 e relativi a edifici e unità immobiliari afferenti per l’85% al settore residenziale e per il 15% a quello non residenziale.

Testa ha spiegato che si tratta "di uno strumento che consente di impostare e avviare una pianificazione strategica a livello territoriale, per individuare le aree che più necessitano di interventi di riqualificazione energetica". E ha aggiunto: "I benefici attesi in termini di progettazione e pianificazione degli interventi riguardano un’ampia platea di soggetti, dal settore edile, alla pubblica amministrazione, ai singoli cittadini".

Obiettivo del Siape è gestire tutte le informazioni contenute negli attestati di prestazione energetica e tracciare un quadro dettagliato dello stato dell’arte della riqualificazione energetica del parco edilizio nazionale. Attualmente, al Siape sono collegate 9 Regioni e 2 Province Autonome; altre 3 Regioni si sono connesse recentemente al sistema e ulteriori 4 hanno richiesto le credenziali di accesso. 

Ultimata la connessione diretta con tutti i catasti energetici delle Regioni e delle Province Autonome, il Siape potrà raggiungere il massimo delle sue potenzialità, consentendo anche di valutare l’efficacia a livello temporale degli incentivi messi in campo per la riqualificazione e l’efficientamento del patrimonio edilizio nazionale.