Notizie su mercato immobiliare ed economia

Alleanze post elettorali: i possibili governi

Autori: luis manzano, Redazione

Una volta finito il conteggio dei voti e assegnati tutti (o quasi) i seggi in Parlamento, ormai è chiaro che nessuna delle coalizioni pre elezioni ha i numeri per governare. Vediamo quali sono le possibili alleanze tra i partiti che potrebbero portare a una maggioranza stabile.

1º Opzione: Coalizione centrodestra - Pd

I parlamentari che servono al centrodestra per governare potrebbero arrivare da un accordo con il Pd, che dovrebbe però superare le divisioni interne. Un'ipotesi alquanto improbabile considerando che il (quasi) dimissionario Matteo Renzi ha detto che il suo partito non appoggerà il governo, ma rimarrà all'opposizione. E che il centrosinistra dovrebbe appoggiare un governo guidato dalla Lega dopo aver speso tutta la campagna elettorale a combattere contro di cosiddetti "populisti".

2º Opzione: Movimento 5 Stelle+ Lega

Forse è lo scenario di cui si discute di più. I due partiti che sono usciti vincitori dalle elezioni potrebbero trovare un accordo se riescono a superare due non difficili condizioni. Che Salvini riunci alla presidenza del Consiglio e che accetti di appoggiare un governo monocolore dei pentastellati, in definitiva il partito che ha ottenuto più voti. 

3º Opzione: Movimento 5 Stelle+ Pd+ Liberi e Uguali

Il Movimento Cinque Stelle potrebbe cercare l'appoggio del Pd e della formazione di Grasso, che già prima delle elezioni si era detto disponibile a valutare un eventuale appoggio al partito di Luigi di Maio. Ma dovrebbe superare le diffidenze del centrosinistra.

4º Opzione: Centrodestra + singoli gruppi o parlamentari

Si tratta dell'opzione più inverosimile e rischiosa. Il centrodestra dovrebbe cercare l'appoggio dei parlamentari fuoriusciti da altri partiti o di piccoli gruppi.