Notizie su mercato immobiliare ed economia

La mappa del reddito pro capite nelle province italiane

Autore: Redazione

È un Paese diviso in due quella emersa dall’analisi del reddito pro capite nelle province italiane. Decisamente più alto in quelle del Nord, molto più basso al Sud e nelle Isole.

Secondo il report elaborato da Twig sui dati del Mef (che si riferiscono al 2017) i redditi più alti sono quelli dichiarati nel triangolo lombardo Milano (31.279 euro), Bergamo (27.225 euro), Monza (27.908 euro). Dinamica Bologna, che dalla settima posizione supera Padova e si attesta al sesto posto.

Al Centro, Roma è abbastanza nettamente la provincia con il reddito pro capite più alto: 24.830 euro. Mentre quella più “povera” in assoluto si trova al Sud. Con 16.113 euro pro capite la calabrese Crotone è la provincia con il reddito più baso, seguita da due siciliane: Ragusa (16.328) e Trapani (16.416).

Subito dopo, Verbano-Cusio-Ossola con 16787 euro, in Piemonte e giusto al confine con la Svizzera, e quindi piena di lavoratori frontalieri che rendono la questione fiscale tutta diversa.

In generale, l'analisi del reddito pro capite evidenzia un Nord sempre più ricco e un Sud sempre più povero. Si confermano le posizioni delle tre regioni “più ricche” (Lombardia, Emilia-Romagna e Lazio) e le tre al fondo della classifica (Basilicata, Molise, Calabria). Ai piedi del podio la regione Trentino Alto-Adige supera il Piemonte, mentre da segnalare l'importante balzo indietro della Liguria.