Notizie su mercato immobiliare ed economia

Seggiolino anti abbandono, come funziona la nuova norma

L’improvvisa accelerazione del governo per approvare la misura ha spiazzato tutti, vediamo cosa fare

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Chi trasporta in auto bambini sotto i 4 anni è obbligato, per legge, ad avere gli ormai famosi seggiolini anti abbandono. Il cambio di passo nell’iter dell’approvazione è stato repentino e quindi è già scattata la corsa all’acquisto per evitare sanzioni.

Innanzitutto, il Mit ha spiegato che il dispositivo antiabbandono può essere integrato all'origine nel seggiolino o essere indipendente. Ma nel secondo caso bisogna assicurarsi l'aggiunta del dispositivo "nell'interazione con il veicolo o con l'apposito sistema di ritenuta", come ha specificato il Ministero.

L’unica cosa che conta, in ogni caso, è che si attivi automaticamente in caso di abbandono del bambino in auto. Come? Producendo segnali visivi e acustici e di vibrazione percepibili all’interno o all’esterno dell'auto.

Esiste anche l’opzione di connettere automaticamente il dispositivo allo smartphone tramite app, così da poter inviare messaggi o chiamate ai numeri di emergenza preimpostati indicando anche la localizzazione dell’auto.

I costi dei vari dispositivi per il seggiolino anti abbandono oscillano tra i 30 e i 70 euro per i dispositivi integrativi e tra i 60 e i 250 euro per i seggiolini con l'anti-abbandono integrato. Ma "per agevolare l'acquisto dei dispositivi - ricorda il Ministero dei Trasporti in una nota - nel Decreto fiscale è stato istituito un fondo per il riconoscimento di un contributo economico di 30 euro per ciascun dispositivo acquistato".

E "nei prossimi giorni verrà approvato il Decreto che disciplina le modalità per l’erogazione del contributo". Insomma, il suggerimento è di mettere da parte lo scontrino in vista di un rimborso.

Chi non è in regola rischia multe da 81 a 326 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente oltre alla possibile sospensione della patente da 15 a 60 giorni se pizzicato a trasgredire per la stessa infrazione nell'arco di 2 anni.