Notizie su mercato immobiliare ed economia

Pensione, le novità dell’Inps per il cedolino di marzo 2020

Autore: Redazione

A marzo 2020 i pensionati italiani si troveranno di fronte a novità che riguardano il cedolino della pensione. L’Inps ha comunicato cosa cambia per modalità di emissione e importi.

L’istituto di previdenza nazionale ha fatto sapere, infatti, che il prossimo pagamento sarà effettuato il 2 marzo (il 1° marzo cade di domenica), sia per chi riscuote in banca sia per chi riscuote presso Poste Italiane. Il pagamento comprende tutte le pensioni di cui il soggetto è titolare.

L’Inps ricorda anche che le prestazioni fiscalmente imponibili, oltre all’Irpef mensile, vengono trattenute le addizionali regionali e comunali relative al 2019 (effettuate in 11 rate nell’anno successivo). Da marzo viene avviata anche la trattenuta per addizionale comunale in acconto per il 2020, che proseguirà fino a novembre 2020.

È stato inoltre effettuato il ricalcolo dell’Irpef pagata mensilmente nel corso dell’anno 2019 in particolare per i pensionati che abbiano percepito nel corso del 2019 altre prestazioni assoggettate a tassazione. Nel caso di importo pagato per l’Irpef 2019 inferiore a quanto dovuto, si procede ad effettuare la trattenuta per il recupero sul rateo del mese di marzo fino a capienza o, laddove l’importo della pensione non sia sufficientemente capiente, sui ratei mensili successivi.

Mentre per i pensionati con importo annuo lordo complessivo fino a 18mila euro, per il quali il ricalcolo dell’Irpef ha determinato un conguaglio a debito di importo superiore a 100 euro, le trattenute vengono effettuate con rate di pari importo fino alla mensilità di novembre.

Le prestazioni di invalidità civile, le pensioni e gli assegni sociali, le prestazioni non assoggettate alla tassazione per particolari motivazioni (detassazione per residenza estera, vittime del terrorismo) non subiscono trattenute fiscali.

A marzo 2020 vengono rimborsati i crediti Irpef relativi all’anno 2019 nel caso in cui l’Irpef mensile sia stata pagata in misura superiore rispetto a quanto dovuto su base annua.