Notizie su mercato immobiliare ed economia

Novità per lo smart working nel decreto Ristori

Autore: Redazione

Novità per lo smart working nel Decreto Ristori. La possibilità di lavorare da casa quando si ha un figlio in quarantena - già introdotta dal decreto agosto - viene ora estesa ai genitori di studenti minori di 16 anni. Smart woking possibile anche nel caso in cui venga decisa la DAD, ovvero la didattica a distanza.

La novità è stata introdotta dall'articolo 22, comma 1, del decreto Ristoro, che eleva la possibilità di genitori fino a 16 anni di usufruire, in maniera alternata, dello smart working se uno dei figli è in quarantena.

In particolare all'articolo corrispondente del decreto agosto che recitava: 

Un genitore lavoratore dipendente può svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile per tutto o parte del periodo corrispondente alla durata della quarantena del figlio convivente, minore di 14 anni, disposta dal dipartimento di prevenzione dell’ azienda sanitaria locale (ASL) territorialmente competente, a seguito di contatto verificatosi all’interno del plesso scolastico, o nell’ambito dello svolgimento di attività sportive di base, attività motoria in strutture quali palestre, piscine, centri sportivi, circoli sportivi, sia pubblici che privati. Oppure se il contatto si è verificato all’interno di strutture regolarmente frequentate per seguire lezioni musicali e linguistiche.

"Al comma 1, le parole "minore di anni quattordici" sono sostituite dalle seguenti "minore di anni sedici"

Didattica a distanza e smart working

Ma non solo. Il diritto allo smart working per uno dei due genitori viene introdotto anche nel caso in cui per i figli venga introdotta la didattica a distanza (DAD) "Nel caso in cui sia stata disposta la sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio convivente minore di anni sedici".  In questo caso però vale il limite dei 14 anni. In caso di figli con età compresa tra i 14 e i 16 anni, il genitori può astenersi dal lavoro senza però ricevere retribuzione o indennità, fermo restano il divieto di licenziamento.