Notizie su mercato immobiliare ed economia

Ravvedimento e dichiarazione imu, c'è tempo fino al primo luglio per mettersi in regola

Autore: Redazione

Non hai pagato l'imu nel 2012 o nel 2013? lo hai fatto in modo incompleto o hai sbagliato il calcolo? il ravvedimento lungo, ossia la seconda opportunità che viene concessa agli insolventi, scade lunedì primo luglio. La stessa data segna anche il termine ultimo per presentare la dichiarazione imu, per tutti coloro il cui possesso dell'immobile si è modificato nel corso degli ultimi mesi

Dichiarazione imu: chi deve presentarla

La dichiarazione non riguarda l'abitazione principale. L'obbligo di dichiarazione imu sorge solo nei casi in cui sono intervenute modifiche rispetto alle dichiarazioni ici già presentate ed in genere quando le variazioni non sono conoscibili dal comune. I contribuenti coinvolti nell'operazione si dividono in in due gruppi:

- Immobili che godono di riduzioni dell'imposta

- Mancanza per i comuni delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento

Scarica il modello di dichiarazone imu e le istruzioni per compilarlo

Ravvedimento lungo: come si calcolano sanzioni e interessi

Per regolarizzare le violazioni relative al 2012  i contribuenti potranno fruire della riduzione della sanzione a un ottavo del minimo, cioè al 3,75%, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni  avviene entro il termine per presentare la dichiarazione delle variazioni relative all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione

Oltre all'imu dovuta e alle sanzioni ridotte al 3,75%  occorre anche considerare gli interessi legali del 2,5% annuo. In caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi sono versati insieme all'imposta dovuta in ragione della quota spettante al comune e allo stato. Per il pagamento dell'imu, è applicabile la norma prevista per il pagamento dei tributi locali che prevede l'arrotondamento all'unità di euro

Esempio pratico

Prendiamo il caso di un contribuente che ha omesso il saldo imu del 2012 per l'importo totale di 5.000 euro, di cui 2.500 per il comune e 2.500 per lo stato. Il contribuente si ravvede, ed eseguirà il versamento lunedì 17 giugno 2013, con un ritardo di 182 giorni. Il conto totale sarà di 5.249,82 euro, 2.624,91 cioè 2.500 di imu, 93,75 di sanzioni pari al 3,75% di 2.500 euro e 31,16 di interessi pari al 2,5% annuo per i 182 giorni di ritardo