Notizie su mercato immobiliare ed economia

Abolizione Tasi e Imu? A trarne vantaggio sarebbero le case di lusso, le ville e i castelli

Immobili di lusso numero e medie nazionali - tabella
Autore: Redazione

Se il Governo nella legge di Stabilità confermasse l'intenzione di tagliare l'Imu e la Tasi anche sugli immobili di lusso, il risparmio per questa tipologia di immobili sarebbe di 2778 euro all'anno, a fronte di un risparmio medio di 180 euro (230 euro nelle città capoluogo) della Tasi sulle altre abitazioni adibite a prime case. A dirlo è il Servizio Politiche Territoriali della Uil, in un report che analizza i costi delle due imposte sulla case accatastate come A/1, A/8 e A/9

Il risparmio nelle principali città

Per quanto riguarda le abitazioni di lusso, spiega Guglielmo Loy – Segretario Confederale UIL- il risparmio medio arriverebbe a Roma a 6.774 euro; a Venezia 6.313 euro; a Milano 5.567 euro; mentre a Reggio Calabria il risparmio sarebbe di 2.255 euro; a Palermo 2.490 euro; a Firenze 2.448 euro.

In particolare, per una casa signorile a Milano (A/1), il risparmio può arrivare a 5.574 euro; a Venezia 5.545 euro; a Roma 5.238 euro; più contenuti i risparmi a Reggio Calabria (2.020 euro); a Palermo (2.073 euro); a Firenze (2.206 euro).

Per un’abitazione in villa a Roma il risparmio arriverebbe a 12.126 euro; a Milano 8.310 euro a Napoli 6.859 euro; mentre a Reggio Calabria 2.718 euro; a Firenze 2.871 euro; a Bari 2.878 euro. Se, invece, si possiede un castello o palazzo storico adibito a prima casa a Napoli (ve ne sono 6), il risparmio sarebbe di 98.585 euro; a Venezia (ve ne sono 5) il risparmio sarebbe di 65.419 euro; a Bari (vi è una sola dimora) il risparmio sarebbe di 38.376 euro.

In totale, le cosiddette abitazioni di lusso, in Italia, sono oltre 74 mila (36 mila in A/1, 36 mila in A/8, 2.500 in A/9), mentre la consistenza media di questa abitazioni è di 393 metri quadrati e 14 vani.

Si tratta - conclude Loy - di case di proprietà di persone agiate e per le quali si potrebbe mantenere l'imposta, per un principio di equità e solidarietà, anche se il risparmio sarebbe solo di 91 milioni di euro.