Notizie su mercato immobiliare ed economia

Prelievi conti correnti, controlli per quelli superiori ai 1.000 euro al giorno e ai 5.000 euro al mese

Autore: Redazione

Arrivano nuovi limiti ai prelievi sui conti correnti e maggiori controlli per i cittadini. A partire da oggi, chi preleva dal conto corrente una somma superiore a 1.000 euro in un giorno o a 5.000 euro in un mese potrà essere oggetto di indagini da parte dell’Agenzia delle Entrate. E nel caso in cui non si riescano a giustificare le operazioni, si rischiano pesanti sanzioni, anche con la tassazione del reddito.

In base all’emendamento approvato al decreto fiscale, viene infatti fissato un limite numerico alle operazioni sul proprio conto oltre il quale scatterà automaticamente una presunzione di nero, qualora il contribuente non riesca a dimostrare il contrario.

I contribuenti che finiranno nel mirino dell’Agenzia delle Entrate per il superamento delle soglie mensili o settimanali potranno vedersi trasformare il prelievo in ricavo e di conseguenza applicare una tassazione sull’importo prelevato. Fino ad oggi la normativa sulla tracciabilità dei pagamenti già prevedeva un limite massimo per l’utilizzo del contante nella misura di 3.000 euro. Adesso il tetto scende.

Così imprenditori, commercianti, ma anche semplici cittadini, dovranno tenere traccia e memoria dei movimenti sul proprio conto corrente per non vedersi applicare sanzioni su quanto prelevato nel corso dell’anno.

Articolo visto su
agenzia (Agenzia)