Notizie su mercato immobiliare ed economia

Rottamazione cartelle Equitalia, la scadenza del 31 luglio

Autore: Redazione

La rottamazione delle cartelle Equitalia entra nel vivo. Il prossimo 31 luglio si dovrà versare la prima rata o il totale se si è scelto di effettuare un unico pagamento. Nel frattempo, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha messo a disposizione dei contribuenti “ContiTu”, un servizio che permette di scegliere in autonomia quali tra cartelle e avvisi si vogliono rottamare tra quelli indicati nella comunicazione formale inviata entro il 15 giugno.

In particolare, per quanto riguarda la scadenza del 31 luglio 2017, il contribuente che ha indicato nella sua richiesta più cartelle o più avvisi, entro la fine del mese potrà decidere e scegliere quali effettivamente pagare. Chi sceglie il pagamento a rate, entro il 31 luglio dovrà saldare la prima; chi opta per un unico pagamento dovrà versare l’intero debito.

Il servizio “ContiTu” è accessibile dal sito web dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione e permette al contribuente di valutare online gli importi complessivi e scegliere di non pagare tutte le cartelle. Chi ad esempio ha chiesto la rottamazione per sette cartelle, ma si rende conto che potrà riuscire a pagarne soltanto quattro, potrà scegliere i debiti che intende rottamare. Il servizio calcolerà l’importo di ciascuna rata e anche il totale. Dopo aver confermato la scelta, Agenzia delle Entrate-Riscossione invierà i nuovi bollettini Rav con cui sarà possibile effettuare il pagamento entro le scadenze previste. Per pagare si possono utilizzare anche i bollettini con la vecchia intestazione “Equitalia Servizi di Riscossione”.

E’ anche possibile controllare online la propria posizione. Sarà sufficiente compilare un form presente nell’area pubblica del sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, inserendo semplicemente il codice fiscale e la documentazione necessaria al riconoscimento e indicando la casella mail dove si vuol ricevere la comunicazione che la vecchia Equitalia già aveva inviato via raccomandata o per posta elettronica certificata.