Notizie su mercato immobiliare ed economia

A quali contratti di locazione a uso transitorio si applica la cedolare secca?

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Secondo la recente normativa sulle locazioni brevi, agli affitti a uso transitorio è possibile applicare la tassazione agevolata del 21%, ma solo nel caso in cui i contratti presentino determinate caratteristiche. Ma vediamo per quali contratti si puo' scegliere la cedolare secca.

La nuova disciplina fiscale per le “locazioni brevi” si applica ai contratti di locazione di immobili a uso abitativo, situati in Italia, di durata non superiore a 30 giorni e stipulati da persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa. 

  • la durata non deve superare i 30 giorni
  •  la data di stipula non è anteriore al 1° giugno 2017
  •  non è richiesta l’adozione di un particolare schema contrattuale
  • devono riguardare solo le unità immobiliari (locate anche per finalità turistiche) a uso abitativo (categoria catastale da A1 a A11, escluso A10), situate in Italia, e loro pertinenze
  • possono prevedere anche servizi accessori alla locazione (fornitura biancheria, pulizia locali, wi-fi, utilizzo utenze telefoniche)
  •  le parti (locatore e conduttore) possono essere solo persone fisiche che stipulano il contratto al di fuori dell’esercizio di un’attività d’impresa
  • può trattarsi anche di sublocazione, comodato a titolo oneroso, locazioni di singole stanze di un’abitazione, sempre della durata massima di 30 giorni
  • possono essere conclusi direttamente dalle parti o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare o che gestiscono portali telematici