Notizie su mercato immobiliare ed economia

Pace fiscale, ci sarà saldo e stralcio delle cartelle in base all’ISEE

Autore: Redazione

Ancora novità sulla pace fiscale. E le ultimissime notizie ridisegnano in maniera sostanziale il provvedimento su cui punta tanto Matteo Salvini, in pratica si torna al disegno originale con il saldo e stralcio delle cartelle a condizioni molto agevolate a seconda dell’ISEE dei contribuenti.

Per quanto riguarda la parte di saldo e stralcio della pace fiscale, c’è già chi ha parlato di un “perdono”, più che di un condono. E il principio, in effetti, è che chi non ha potuto saldare i conti con il Fisco perché in difficoltà economiche, ora possa sanare la propria posizione senza troppe difficoltà.

Per questo, il saldo e stralcio della pace fiscale consente di pagare una quota abbastanza bassa del proprio debito a seconda della fascia ISEE:

  • 6% con ISEE sotto i 15.000 euro
  • 10% con ISEE compreso tra i 15.000 e i 22.000 euro
  • 25% con ISEE compreso tra i 22.000 e i 30.000 euro

Tra l’altro, dovrebbe anche essere previsto il pagamento degli importi a rate, fino ad un massimo di dieci tranche per il saldo e stralcio della pace fiscale. Meno tempo rispetto ai contribuenti ammessi alla rottamazione ter delle cartelle, che potranno pagare in dieci rate spalmate in cinque anni.

Per le società, invece, nel caso in cui i debiti superino il 20% del valore della produzione e un indice di liquidità inferiore a 0,3%, tra 0,3 e 0,6%, tra 0,6 e 0,8%. Inoltre, chi ha già in corso la rottamazione potrà aderire alla pace fiscale ma solo per gli importi non ancora versati.