Notizie su mercato immobiliare ed economia

Versamenti tributi e contributi, i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sulla sospensione

Cosa dice la risoluzione n. 12/E del 18 marzo 2020

I chiarimenti delle Entrate sulla sospensione dei versamenti
I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sulla sospensione dei versamenti / Gtres
Autore: Redazione

Con la risoluzione n. 12/E del 18 marzo 2020, l'Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti per quanto riguarda la sospensione dei versamenti tributari e contributivi a seguito dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Proroga versamenti alle pubbliche amministrazioni al 20 marzo 2020

Si ricorda innanzitutto che il decreto "Cura Italia" (decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020) ha disposto la proroga al 20 marzo 2020 dei versamenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, inclusi quelli relativi ai contributi previdenziali e assistenziali e ai premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo 2020.

In merito, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che la proroga è applicabile ai versamenti dovuti a qualsiasi titolo dalla generalità dei contribuenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, in scadenza alla data del 16 marzo 2020.

I versamenti sospesi fino al 30 aprile 2020 

Secondo quanto sottolineato, inoltre, l'articolo 8, comma 1, del decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9, ha disposto, tra l'altro, la sospensione fino al 30 aprile 2020 dei termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte, di cui agli articoli 23 e 24 del decreto del presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 e dei contributi previdenziali e assistenziali, nonché dei premi per l'assicurazione obbligatoria, per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e turismo e i tour operator, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato.

La risoluzione ha poi sottolineato che in proposito, l’articolo 61, comma 2, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, ha esteso la sopracitata sospensione, tra l’altro, ai soggetti operanti nei settori elencati al medesimo comma 2, lettere da a) a q).

Per tutti i soggetti di cui trattasi, inoltre, il comma 3 del citato articolo 61 ha disposto la sospensione dei termini dei versamenti relativi all’imposta sul valore aggiunto in scadenza nel mese di marzo 2020.