Notizie su mercato immobiliare ed economia

Si può cedere il credito dell’ecobonus 110 ai genitori

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Si aggiunge un nuovo chiarimento al capitolo della cessione del credito per i lavori coperti da ecobonus 110%. L’Agenzia delle Entrate, infatti, ha confermato la possibilità di trasferirlo anche a un genitore. Vediamo quanto specificato.

Nella fattispecie, l’Agenzie delle Entrate ha risposto a un quesito che riguardava il caso di un genitore che aveva finanziato le spese per gli interventi di riqualificazione energetica (acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi) per l’abitazione del figlio (appartenente al regime dei forfettari). Il richiedente, infatti, domandava se fosse possibile cedere il credito per la detrazione con ecobonus 110% direttamente al genitore.

Proprio con la risposta n. 432 del 2 ottobre 2020, l’Agenzia delle Entrate sottolinea che l’articolo 121 del decreto rilancio consente il “trasferimento” del credito d'imposta corrispondente alla detrazione prevista dall’ecobonus 110% nei confronti “di altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari” senza verificare il collegamento con il rapporto che ha dato origine alla detrazione (indispensabile prima dell’intervento normativo).

Come sottolinea Fisco Oggi, l'articolo 121 del decreto legge n. 34/2020 stabilisce che: “i soggetti che sostengono, negli anni 2020 e 2021, spese per interventi efficienza energetica di cui all'articolo 14 possono optare, in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione, per un contributo sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto fino a un importo massimo pari al corrispettivo medesimo, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest'ultimo recuperato sotto forma di credito d'imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. In alternativa, i contribuenti possono, altresì, optare per la cessione di un credito d'imposta di importo corrispondente alla detrazione ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari con facoltà, per questi ultimi, di successiva cessione”.

È stato così stabilito perché l’introduzione della cessione del credito derivante dai lavori coperti da ecobonus 110% è volta a incentivare la realizzazione di interventi in grado di migliorare efficienza energetica delle abitazioni, sfruttando anche meccanismi alternativi alla fruizione della detrazione che non potrebbe essere utilizzata direttamente. Quindi, il professionista può cedere il credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante con l’ecobonus 110% al proprio genitore.