Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il 16 ottobre riparte la riscossione delle cartelle esattoriali

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Ancora pochi giorni e riprenderà l'attività di accertamento e riscossione da parte dell'Agenzia delle Entrate. Per l'esattezza il 16 ottobre 2020. La sospensione delle cartelle esattoriali, decisa dal governo in seguito alle difficoltà economiche registrate a causa del diffondersi del Covid-19, termina infatti il 15 ottobre.

Come riportato dall'Adnkronos, il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha spiegato che "a pagare di più saranno i cittadini, perché dei 18 milioni di soggetti iscritti a ruolo 15 milioni sono persone non titolari d'impresa, cittadini che hanno delle cartelle per multe o cose simili, e circa 3 milioni sono imprese''. Ruffini ha poi sottolineato: "E' chiaro che la ripresa non sarà immediata, per cui dal 15 ottobre non avremo le cassette postali piene. Sarà una ripresa progressiva che nel corso dei mesi andrà diluendo e smaltendo gli arretrati, ma allo stesso tempo riprenderà l'attività ordinaria".

Cartelle esattoriali ottobre 2020

Cosa accade dunque a partire dal 16 ottobre 2020? Nello specifico, riprendono gli accertamenti esecutivi, le ingiunzioni e gli accertamenti esecutivi. Così come evidenziato dall'Adnkronos, "si tratta, in particolare, dei versamenti delle quote richieste nelle cartelle di pagamento, avvisi di addebito e di accertamento; rate dei piani di dilazione in scadenza tra l'8 marzo e il 15 ottobre. L'Agenzia delle Entrate potrà riprendere le azioni di riscossione, come pignoramenti, fermi amministrativi e ipoteche. Inoltre potranno essere inviate le notifiche di nuove cartelle".