Notizie su mercato immobiliare ed economia

Di quanto è la multa per abuso edilizio in alternativa alla demolizione

Pixabay
Pixabay
Autore: Redazione

Con una recente sentenza, il Consiglio di Stato ha fatto chiarezza circa le sanzioni alternative alla demolizione di fabbricati. Vediamo di quanto è la multa per abuso edilizio.

Nel dettaglio, i giudici del Consiglio di Stato, hanno spiegato come va quantificata esattamente la multa per abuso edilizio in alternativa alla disposizione della demolizione di un fabbricato.

Va però specificato che gli abusi edilizi andrebbero sempre essere demoliti per ripristinare la legalità, tuttavia spesso risultano talmente integrati nella costruzione che abbattendoli si creerebbe un danno anche alle parti realizzate in modo legittimo. In questi casi, il Comune commina una multa per abuso edilizio.

Nella fattispecie, il Consiglio di Stato si è espresso sul caso di un appartamento ereditato, il cui nuovo prioritario, durante le trattative per la vendita, ha scoperto che l’immobile era più grande di quanto rappresentato nel progetto autorizzato al momento della realizzazione. Così, per regolarizzare la sua posizione, ha chiesto al Comune che gli venisse applicata la multa per abuso edilizio alternativa alla demolizione (visto che l’abbattimento della parte irregolare avrebbe compromesso anche quella realizzata regolarmente).

Il Comune, per tutta risposta, ha accolto la richiesta ma comminando una sanzione considerata però spropositata dal proprietario, che è quindi ricorso al Tar sostenendo che il Comune dovesse calcolare la multa sulla base del costo di produzione vigente al momento dell’abuso edilizio (1975) e non al tempo della sanzione (2015) come se si trattasse di una nuova costruzione.

Il Tar ha accolto il ricorso e il Comune, il quale ha presentato appello al Consiglio di Stato facendo leva sulla natura permanente dell’illecito, che ne consentirebbe quindi la repressione in ogni tempo con la sanzione vigente al tempo in cui l’illecito è sanzionato.

Nella sua sentenza, pur ribadendo che il dovere del Comune di reprimere gli abusi edilizi in qualsiasi momento non è in discussione, il Consiglio di Stato ha ricordato che la quantificazione della sanzione della multa per abuso edilizio deve essere stabilita sulla base del costo di produzione vigente al momento dell’abuso, e applicata solo alla superficie abusiva.