Notizie su mercato immobiliare ed economia

Bonus mobili nel 730, ecco le indicazioni necessarie

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

E' possibile anche quest'anno inserire il bonus mobili nel 730 e beneficiare della detrazione prevista. Ma come fare? Ecco cosa serve sapere.

Bonus mobili 2021 dove inserirlo nel 730

Il bonus mobili 2021, la detrazione Irpef del 50% per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione, può essere indicato nel 730. Nello specifico, il bonus mobili deve essere indicato nel Quadro E, "Oneri e spese", della dichiarazione dei redditi 2021.

Come spiegato dalle istruzioni in Pdf dell'Agenzia delle Entrate sulla dichiarazione dei redditi 2021, il bonus mobili deve essere indicato nel Quadro E, nella Sezione III C, Rigo E57.

Secondo quanto ricordato, ai contribuenti che fruiscono della detrazione del 50 per cento prevista per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio è riconosciuta una detrazione del 50 per cento per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. 

Le spese per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici sono computate, ai fini della fruizione della detrazione di imposta, indipendentemente dall'importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione.

La detrazione spetta solo se sono state sostenute spese per i seguenti interventi di recupero del patrimonio edilizio: 

  • manutenzione ordinaria effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale;

  • manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia sulle parti comuni di edificio residenziale e su singole unità immobiliari residenziali;

  • ricostruzione o ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi;

  • ristrutturazione di interi fabbricati, da parte di imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedono entro sei mesi dal termine dei lavori all'alienazione o assegnazione dell'immobile.

Ulteriori interventi riconducibili alla manutenzione straordinaria sono quelli finalizzati al risparmio energetico volti all'utilizzo di fonti rinnovabili di energia e/o alla sostituzione di componenti essenziali degli impianti tecnologici.