Notizie su mercato immobiliare ed economia

Superbonus 110 e condominio misto, alcuni chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta in tema di superbonus 110 per cento e condominio misto. Vediamo cosa accade se non tutti sono d'accordo e come funziona la ripartizione delle spese.

Con la risposta n. 620, l'Agenzia delle Entrate ha sottolineato che c'è la possibilità per il condomino o i condomini, che abbiano particolare interesse alla realizzazione di determinati interventi condominiali, di manifestare in sede assembleare l'intenzione di accollarsi l'intera spesa riferita a tali interventi, avendo certezza di poter fruire anche delle agevolazioni fiscali. In questo caso, a rispondere eventualmente in caso di non corretta fruizione del superbonus sarà esclusivamente il condomino o saranno i condomini che ne hanno fruito.

Nel fornire la sua risposta, l'Agenzia delle Entrate ha richiamato la normativa e la prassi che disciplinano il superbonus previsto dall'articolo 119 del decreto Rilancio. Nello specifico, poi, si fa riferimento al nuovo comma 9-bis della disposizione agevolativa introdotto dal decreto Agosto e modificato dalla legge di Bilancio 2021

Secondo quanto previsto, se autorizzati dall'assemblea, i condomini interessati a determinati lavori condominiali possono realizzare e sostenere, senza chiedere soldi agli altri proprietari, le spese per interventi condominiali con la certezza di poter usufruire del superbonus. In caso di non corretta fruizione dell'agevolazione, a risponderne eventualmente sono solo i condomini che ne hanno fruito.