Notizie su mercato immobiliare ed economia

ReinvenTIAMO Roma, fino al 21 febbraio 2020 le proposte per il recupero di San Lorenzo

Oggetto della riqualificazione è un’area di circa 10mila mq

Invio proposte per il recupero spazi abbandonati a San Lorenzo fino al 21 febbraio 2020
Invio proposte per il recupero degli spazi abbandonati a San Lorenzo fino al 21 febbraio 2020 / Gtres
Autore: Redazione

Nell’ambito del progetto ReinvenTIAMO Roma, è stata prorogata di 90 giorni la manifestazione di interesse per il recupero degli spazi abbandonati in Via dei Lucani a San Lorenzo. C’è tempo fino al 21 febbraio 2020.

Come spiegato da un comunicato diffuso dal Comune di Roma, entro i prossimi 90 giorni, fino al 21 febbraio 2020, potranno essere presentate a Roma Capitale - Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica proposte preliminari che saranno poi oggetto di una consultazione on line sul portale istituzionale aperta ai cittadini che potranno lasciare i loro contributi rispetto alle proposte pervenute. L’intenzione è quella di “accogliere proposte unitarie che coinvolgano gruppi diversi composti da progettisti, investitori, stakeholder interessati allo sviluppo e al miglioramento del quartiere San Lorenzo per progetti innovativi di regia pubblica che migliorino la vita dei cittadini”.

Oggetto della riqualificazione è un’area di circa 10mila mq, la cui proprietà è suddivisa tra diversi proprietari privati, tra cui alcuni immobili sottoposti a pignoramento e affidati a custodi giudiziari, solo una parte minore è di proprietà comunale. Tutte le informazioni e la documentazione relative ai diversi step di avanzamento del processo possono essere rintracciate sul portale di Roma Capitale.

L’assessore all’Urbanistica, Luca Montuori, ha sottolineato: “Siamo soddisfatti dell’interesse che si è creato attorno al programma di rigenerazione urbana a San Lorenzo che dimostra l’importanza del percorso che abbiamo voluto intraprendere con cittadini, stakeholder e proprietari delle aree”.

E ha aggiunto: “Ringrazio tutti coloro che hanno compreso la natura sperimentale e innovativa del progetto e che hanno partecipato agli incontri promossi dall’Assessorato sempre in maniera propositiva e con spirito di collaborazione. Per questo abbiamo deciso di accogliere le sollecitazioni arrivate durante gli incontri e i momenti di confronto con il mondo imprenditoriale, i cittadini e i proprietari in modo da raggiungere la massima condivisione possibile su un processo che ci darà la possibilità di vedere realizzato presto un progetto fondamentale per il quadrante”.