Notizie su mercato immobiliare ed economia

I mutui troppo cari sul mercato sono un suicidio finanziario (grafico)

Autore: Redazione

Molti potenziali acquirenti, anche con dei risparmi di partenza e delle buone garanzie, sono sconcertati in questi mesi dal costo dei mutui. Nonostante l'euribor sia molto basso, attorno all'1,20%, il prezzo finale viene fissato anche al 5% (euribor + spread + costi annuali). E se la rata è alta, figuariamoci quando l'euribor, prima o poi, crescerà. Ecco perché stipulare un mutuo in queste condizioni può essere un suicidio finanziario

Vediamo quanto incide lo spread, ossia il margine di guadagnao che la banca applica all'indice euribor (mutui a tasso variabile) o all'indice eurirs (mutui a tasso fisso). Prima della crisi del debito che ha investito l'Italia la scorsa estate, uno spread medio applicato da numerose banche si aggirava attorno all'1,20%

Attualmente invece ci troviamo di fronte ad uno spread medio attorno al 3,50%, mentre alcune banche lo hanno portato persino al 4,50%, un modo come un altro per dire "non si fa credito a nessuno" e mandare via il cliente prima ancora che faccia una richiesta di prestito

Il nostro ufficio studi ha calcolato quanto costa in più un mutuo con questi spread, prendendo come esempio un importo di 150mila euro a 30 anni, con un euribor medio al 2%, che corrisponde all'attuale livello dell'eueibor a 1 anno

Vediamo che tra uno spread all'1,25% e uno al 3,5% la stessa casa ci viene a costare quasi il 50% in più, perché gli interessi da restituire sono quasi il doppio. E questo immaginando un euribor tranquillo, figuariamo se, come del resto è successo alcuni anni fa, l'euribor arrivasse al 4%

Cosa fare dunque?

La cosa più importante è non rivolgersi ad una sola banca e non demordere se il proprio istituto, anche dopo anni di buone relazioni, ci presenta una proposta troppo cara. Semplicemente significa che in questo momento non può o non vuole fare diversamente. Solo confrontando le offerte continuamente. La situazione generale, con le decisioni della bce e le aste dei titoli italiani, potranno aiutare nelle prossime settimane, in caso di schiarite

Secondo Vincenzo de Tommaso, dell’ufficio studi di idealista.it, “per chi intende chiedere un mutuo sono tempi difficili, anche per quei potenziali acquirenti che hanno tutte le credenziali per accedervi. Dall’altro lato però il mercato presenta offerte allettanti con una alta negoziabilità e allora a chi nei prossimi mesi comprerà casa consigliamo di finanziare importi mai maggiori del 50% del valore dell’immobile, comparare le offerte di più istituti di credito, vagliare con attenzione i piani di rimborso tenendo d’occhio l'euribor in caso della scelta di un mutuo a tasso variabile perché se la rata di partenza è già alta quando questo crescerà la stessa diverrà insostenibile”

Noi di idealista ti autiamo gratuitamente a
Calcolare la rata del mutuo
E a confrontare i
Migliori mutui sul mercato  
In ogni momento

Leggi anche:

Il mutuo si mangia lo sconto ottenuto sulla casa

 

Articolo visto su
(idealista.it/news)