Notizie su mercato immobiliare ed economia

Devi ristrutture casa? ecco perché è più conveniente chiedere un mutuo e non un prestito

prima di decidere è bene prendere in considerazione vari fattori: dall'importo da richiedere alla durata dell'ammortamento, dalla tipologia del tasso d'interesse al taeg
Autore: Redazione

Una recente indagine di altroconsumo ha preso in esame la questione della ristrutturazione della casa e il dilemma che genera nel consumatore: per affrontare le spese, meglio chiedere un mutuo o un prestito? la soluzione del quesito risiede tutta negli interessi, che a conti fatti risultano più elevati nel secondo caso

Come evidenziato dall'associazione, prima di scegliere è bene considerare vari fattori: dall'importo da richiedere alla durata dell'ammortamento, dalla tipologia del tasso d'interesse al taeg, ovvero il reale costo del finanziamento

Altroconsumo ha spiegato che nel caso in cui, per lavori di ristrutturazione, si scelga un mutuo bisogna ricordare che nessuna banca può obbligare ad aprire un conto corrente o imporre una polizza venduta dallo stesso istituto di credito. L'associazione ha poi preso in esame un caso tipo: ristrutturare casa dovendo chiedere 50mila euro da restituire in 10 anni

Cercando il mutuo migliore, altroconsumo ha rilevato che i mutui a tasso variabile più vantaggiosi sono quelli di we bank con taeg al 2,99%, mediolanum riparti Italia con taeg al 3,10% e bpm strizza il mutuo con taeg al 3,67%; per quanto riguarda i mutui a tasso fisso, i più convenienti sono quelli di we bank con taeg del 4,75%, Veneto banca mutuo jolly con taeg al 5,15% e che banca! con taeg 5,67%

In tema di tasso variabile e tasso fisso, bisogna ricordare che la scelta deve corrispondere alle esigenze del consumatore. Nel caso di un mutuo a tasso variabile, l'importo della rata varierà - aumentando o diminuendo - in base alle oscillazioni dell'indice euribor; nel caso di un mutuo a tasso fisso, l'importo della rata non varierà per tutta la durata dell'ammortamento. Il consiglio di altroconsumo è quello di optare per un mutuo a tasso variabile solo se si è in grado di sopportare variazioni della rata mensile anche del 30%

Se si opta invece per il prestito personale, bisogna tener presente che in questo caso gli interessi sono più elevati. Ipotizzando sempre la necessità di dover chiedere 50mila euro da restituire in 10 anni per ristrutturare la propria casa, altroconsumo ha rilevato che il prestito personale più vantaggioso è mysura plus di banca carige con taeg all'8,26%

Articolo visto su
(Casaeclima.com)