Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mutui fissi e variabili, le previsioni per i tassi Euribor ed Eurirs dopo la Bce

mutuo casa
previsioni tassi dopo la bce / Gtres
Autore: Redazione

Dopo le parole rassicuranti di Mario Draghi riguardo alla politica monetaria della Banca Centrale Europea, vediamo quali previsioni si possono fare per i tassi sui mutui Eurirs ed Euribor.

Tassi Bce bassi fino al 2020

I tassi Bce sono stati mantenuti invariati allo 0% e il governatore Mario Draghi ha assicurato che resteranno bassi almeno fino alla metà del 2020 e in ogni caso finchè l’inflazione non avrà raggiunto stabilmente un valore prossimo al 2%. Linea che sarà probabilmente mantenuta anche dalla prossima presidente Bce Christine Lagarde e che è giustificata dalla crescita economica dell’Eurozona, rivelatasi più debole del previsto.

Tasso Euribor, nuovi minimi

In questo panorama, anche i tassi sui quali vengono parametrati i mutui fissi e variabili hanno conosciuto nuovi minimi storici. L’Euribor 3 mesi, si legge sul sito Cercamutuo.com, nel mese di luglio ha registrato quota -0,37, mentre il tasso a un mese, dopo una stabilità a -0,37 che durava dal 7 luglio 2016, è sceso a -0,40. L’Euribor 6 mesi è anche sceso raggiungendo quota -0,36.

Tasso Eurirs ai minimi 2019

Per quanto riguarda le scadenze del tasso Eurirs, su cui si basano i mutui a tasso fisso, hanno recentemente toccato il minimo livello del 2019. La scadenza a 5 anni è scesa in territorio negativo toccando -0,31. Tutte le altre scadenze, dai 10 ai 30 anni, restano sotto la quota 0,70. Resta pertanto un ottimo momento per stipulare un mutuo a tasso fisso.

Tasso fisso o variabile? le previsioni

Cosa scegliere, quindi, tra mutuo a tasso fisso e variabile? Secondo MutuiOnline, la prospettiva di tassi Bce bassi ancora per lungo tempo e di una possibile nuova iniezione di liquidità legata anche ad un possibile nuovo Qe fa pensare che i tassi variabili potrebbero rivelarsi una buona scelta ancora per diversi anni, specialmente per i mutui non troppo lunghi (entro i dieci anni). In ogni caso, visto lo scenario, si può credere che l’inversione di tendenza dell’Euribor durerà a lungo, come anche la ripresa della corsa dei tassi.

Chi voglia stipulare un mutuo a tasso fisso, a questo punto, non può essere sicuro di spuntare il tasso migliore in assoluto  visto che i movimenti al ribasso sembrano non arrestarsi. Tuttavia sulle durate lunghe la scelta di un mutuo a tasso fisso rappresenta una buona decisione a tutela di un probabile aumento nel lungo periodo.