Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mutui e compravendite, i trend secondo Banca d'Italia

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il terzo trimestre è stato piuttosto stabile per quanto riguarda i prestiti per l’acquisto di case, mentre le compravendite sono salite di pari passo con la discesa dei prezzi. Lo dicono i dati dell’ultimo bollettino economico di Bankitalia.

Tra agosto e novembre 2020, si legge nella nota, il costo dei nuovi prestiti alle società non finanziarie e alle famiglie per l’acquisto di abitazioni è rimasto sostanzialmente stabile (all’1,5 e 1,3 per cento, rispettivamente).

Banca d'Italia
Banca d'Italia

Nel terzo trimestre le compravendite di abitazioni sono invece tornate a crescere; i prezzi hanno rallentato. Tuttavia, secondo il Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia condotto tra novembre e dicembre, le prospettive degli operatori sull’evoluzione del proprio mercato di riferimento sono decisamente peggiorate, sia nel breve sia nel medio termine. Nel quarto trimestre il recupero delle compravendite di abitazioni potrebbe essersi interrotto.

Banca d'Italia
Banca d'Italia
I prestiti alle famiglie in genere si sono espansi a ritmi pressoché invariati rispetto ad agosto (4,1 per cento). I mutui hanno lievemente accelerato, mentre il credito al consumo si è mantenuto debole. Gli schemi di garanzia sui nuovi finanziamenti e le moratorie sui prestiti esistenti, adottati dal Governo a sostegno della liquidità di imprese e famiglie, sono stati estesi fino a giugno 2021. Il costo medio dei nuovi prestiti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni si è mantenuto stabile, all’1,3 per cento.

Banca d'Italia
Banca d'Italia

Dopo essere diminuita per due trimestri consecutivi, la domanda di mutui e di credito al consumo delle famiglie è tornata a salire. Per il quarto trimestre gli intermediari prefigurano un incremento più contenuto nella richiesta di fondi da parte delle imprese; anche la domanda di prestiti finalizzati all’acquisto di abitazioni da parte delle famiglie dovrebbe crescere lievemente.

Banca d'Italia
Banca d'Italia

L’indagine sul credito bancario nell’area dell’euro (Bank Lending Survey) riferita al terzo trimestre del 2020, conclusa il 6 ottobre, vede le banche italiane segnalare che per i prestiti alle famiglie nel terzo trimestre i criteri di offerta sia sul credito al consumo sia sui mutui hanno registrato un moderato irrigidimento, in linea con il deteriorarsi delle prospettive economiche generali e con un calo della tolleranza al rischio da parte delle banche; i termini e le condizioni generali sono rimasti nel complesso invariati. Per il quarto trimestre gli intermediari prevedono un’ulteriore lieve restrizione delle politiche di offerta sul mercato dei mutui.