Notizie su mercato immobiliare ed economia

Comprare casa con un mutuo o affittare: ecco cosa conviene

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Ai tassi attuali e con le agevolazioni mutui per i giovani under 36 è più conveniente comprare casa con un mutuo oppure andare a vivere in affitto? Scopriamolo insieme a MutuiOnline.it.

Secondo il portale di comparazione mutui, la situazione dei tassi fa propendere decisamente per l’acquisto di casa con un finanziamento ad hoc. Se sottoscrivere un mutuo casa significa infatti far fronte ad alcune spese (interessi, spese notarili, assicurazioni obbligatorie) è anche vero che l’affitto stesso implica un canone da versare mensilmente e che non restituisce poi alcuna proprietà che si possa, eventualmente, mettere a reddito, rivendere, lasciare in eredità. Inoltre senza essere proprietari delle proprie mura di casa anche le possibilità di personalizzare e decorare sono molto limitate. Cosa che, tuttavia, potrebbe non essere un problema per chi vive in affitto il quale, in questo modo, non deve sostenere alcuna spesa.

Al di là delle considerazioni qualitative, acquistare casa con un mutuo conviene per una serie di ragioni:

  • I tassi sono ai minimi storici, il che consente, in sostanza, di acquistare un finanziamento a costo molto vicino allo zero risparmiando invece il proprio denaro – al netto dell’anticipo dovuto – per altri scopi;
  • Con un mutuo a tasso fisso le spese da sostenere sono note fin dall’inizio, il che consente di pianificare la spesa in modo più attento;
  • Per l’acquisto dell’abitazione principale ci sono molte agevolazioni, dai tassi agevolati sui mutui all’esenzione Imu alle imposte di registro, ipotecaria e catastale ridotte;
  • Le agevolazioni sui mutui si sono moltiplicate con il Decreto Sostegni Bis, che ha potenziato il Fondo di Garanzia Prima casa aumentando all’80% la garanzia per i giovani under 36 con Isee inferiore a 40 mila euro, oltre alle categorie che già beneficiavano del Fondo Gasparrini con una garanzia del 50% (giovani coppie, famiglie monogenitoriali, lavoratori precari).