Notizie su mercato immobiliare ed economia

La “start up” che progetta la casa dei tuoi sogni per meno di quanto costa un iPhone

Cover
Cover
Autore: Hoja De Router (collaboratore di idealista news)

Quando immaginiamo la casa dei nostri sogni finiamo sempre per lasciare da parte le nostre fantasie, perché crediamo che il costo sia molto maggiore rispetto a quello che ci si può permettere. Adesso la situazione potrebbe cambiare grazie a due architetti americani che hanno ideato un programma di intelligenza artificiale in grado di creare su carta la casa dei sogni per soli 250 dollari (circa 234 euro).

Alexis Rivas e Jemuel Joseph, fondatori di Cover, la start up con sede a Los Angeles hanno deciso di reinventare il design, l’ingegneria e la produzione delle case del futuro. Entrambi, occupandosi della creazione e vendita di case prefabbricate, hanno creato un software con algoritmi precisi per progettare dai monolocali a case con diverse camere da letto per molto meno di quello che potrebbe costare, per esempio, l’iPhone 7, disponibile a partire da 769 euro.

Prima di avviarel’iniziativa imprenditoriale nel 2004, Rivas ha lavorato per una società di architettura residenziale di lusso a Toronto. Lì si è reso conto degli elevati budget per le migliori finiture o legno su misura. Un privilegio, di conseguenza, riservato a pochi. Così Rivas ha deciso di trovare una soluzione.

Insieme al suo socio Jemuel Joseph, Rivas ha visto che il mercato aveva strumenti a sufficienza per cercare di abbattere i costi delle case. I due non hanno inventato la prefabbricazione, né il design algoritmico, né le tecniche di produzione automatizzate... Hann solo deciso di mettere insieme tutte queste cose per dare vita a “Cover”.

Il progetto ha attualmente quattro dipendenti: Rivas se stesso, architetto con esperienza nella progettazione residenziale e di case prefabbricate; il socio Jemuel Joseph, architetto specializzato nella progettazione computazionale e parametrica; un esperto di interior design e un ingegnere di software con formazione nel campo dell’intelligenza artificiale.

Cover
Cover

Un’azienda tecnologica più che di case prefabbricate

Il settore delle case prefabbricate è in crescita. Tuttavia, secondo Rivas, le aziende non si adattano alle esigenze e ai gusti dei clienti. “La maggior parte dei produttori di queste case opera più o meno come i costruttori di case tradizionali”, ha spiegato Rivas. Questo, a suo avviso, non va bene perché i costi diventano uguali.

Per dare un servizio più personalizzato e al tempo stesso più economico, Cover ha sostituito il tradizionale incontro con l’architetto in un sondaggio attraverso un computer. Il programma è in grado di progettare abitazioni adattate alle esigenze e ai gusti del cliente in soli tre giorni.

Analogamente, il processo di produzione è caratterizzato dalla tecnologia: dalla scelta dei materiali al loro assemblaggio. Per le costruzioni vengono utilizzate strutture in acciaio, un materiale molto solido, leggero, resistente e può essere facilmente meccanizzato. Anche la linea di produzione è dotato di macchine e strumenti automatici che utilizzano il software di progettazione CATIA, utilizzato principalmente nel settore aerospaziale e automobilistico.

L’intero processo permette all’azienda di avere una maggiore precisione nella progettazione, ingegnerizzazione e produzione. “E’ come la preparazione di mobili Ikea”, scherza Rivas, che assicura che una casa può essere completamente assemblata in circa sette mesi.

Cover
Cover

L’importanza dell’efficienza energetica

Non solo gli interessi del cliente sono importanti nel processo di creazione per Cover. Anche l’efficienza energetica è importante: dall’orientamento dell’edificio per ottimizzare la ventilazione trasversale e sfruttare la luce naturale fino alla creazione di un sistema più sofisticato sugli effetti concreti del collocare una finestra in una posizione specifica o la relazione tra superfici diverse che influenzano la temperatura e la luce.

Architetti visitano il luogo per osservare le condizioni, la vegetazione, le caratteristiche delle case vicine e utilizzano i dati sulle informazioni geografiche per conoscere i limiti di costruzione su un sito specifico.

Tutte queste informazioni vengono inserite nel programma informatico, che elabora il tutto per creare un design che soddisfi tutti i criteri. In genere l’estetica è moderno ed essenziale, i materiali possono andare dal bambù rafforzato con cemento per i pavimenti alla fibra di vetro e all’arredamento con armadi rinforzati, elettrodomestici efficienti e sistemi di riscaldamento e raffreddamento.

Cover
Cover

Il futuro di Cover: la soluzione alla crisi degli alloggi

Cover è ancora nella sua fase iniziale e ha completato una sola struttura a Los Angeles. Tuttavia, sembra che le cose vadano bene. Ha recentemente acquisito un proprio stabilimento e sono in fase di progettazione sette nuovi progetti. Si va da un cortile per un ufficio ad un’unità più completa con cucina e camera da letto da posizionare su una collina.

Cover potrebbe anche diventare la soluzione alla crisi immobiliare attuale. Negli Stati Uniti c’è il concetto di “unità abitativa accessorio”, si tratta di case costruite su garage esistenti o sul retro o ai lati di case nei quartieri già sviluppati. Questo aiuta le famiglie a rimanere insieme o a ospitare altri inquilini.

Solo a Los Angeles circa 47.000 persone vivono in rifugi o per strada. Per tutte queste person Cover potrebbe diventare un’opportunità per migliorare la propria situazione. Un segno che l’intelligenza artificiale è qui per cambiare non solo la nostra vita, ma anche il nostro ambiente.

Cover
Cover