Notizie su mercato immobiliare ed economia

Nel 2050 a londra un mini-appartamento costerà 43 milioni di euro

l'attuale prezzo medio delle case nel cuore della city è di circa 1,5 milioni di sterline e il tasso di crescita annuo è pari al 9%
Autore: Redazione

A londra il mercato immobiliare sta impazzendo. È questo ciò che viene da pensare ascoltando le previsioni di uno dei maggiori investitori del settore, secondo cui nel centro della city nel 2050 un piccolo appartamento, un monolocale, potrà arrivare a costare ben 36 milioni di sterline, ovvero circa 43 milioni di euro

Un'ipotesi più che plausibile se l'aumento annuo del 9% del costo delle case londinesi si manterrà costante nel tempo. Come riportato da the guardian, l'agenzia immobiliare specializzata nelle proprietà di lusso nelle aree più chic della metropoli london central portfolio, lasciando per un momento da parte le preoccupazioni relative a una fuoriuscita dal mercato londinese dei ricchi oligarchi russi, ha lanciato un fondo di 100 milioni di sterline per comprare mini-appartamenti nei quartieri più esclusivi della città

A the guardian, il direttore di london central portfolio hugh best ha spiegato: "il prezzo medio nel centro di londra si aggira intorno a 1,5 milioni di sterline ed è cresciuto del 9% annuo. È rimasto a tale livello di crescita per 40 anni, non c'è ragione perché cambi"

A un tasso di crescita medio del 9% annuo, l'attuale prezzo medio pari a 1,5 milioni di sterline si trasformerà in un prezzo pari a 6,3 milioni nel 2030 e a 36 milioni nel 2050. Secondo l'agenzia london central portfolio, che ha investito circa 600 milioni di sterline in immobili nella capitale britannica, nei prossimi cinque anni gli speculatori potranno guadagnare ancora di più. I maggiori investitori sono russi, cinesi e arabi

A londra, oggi, due terzi delle abitazioni sono acquistate come investimento e proprio nel tentativo di contrastare ciò si sta valutando l'adozione di misure volte a imporre nuove tasse sugli acquisti domestici da parte di stranieri

Articolo visto su
(Theguardian.com)