Notizie su mercato immobiliare ed economia

In città finisce nella spazzatura il 40% del cibo che compriamo

Autore: Redazione

Se da un lato il 30-40% del cibo che comprano gli abitanti delle città finisce nella spazzatura, dall'altro continua a salire il numero degli obesi, per i quali la spesa sanitaria in europa è pari al 7%, con un aumento delle malattie legate all'obesità in città e una diminuzione significativa in campagna

Questo è in sintesi il quadro non troppo ottimistico che esce dal convegno "la città che mangia" che ha aperto ecopolis, la manifestazione legata dediacta alla sostenibilità dell'ambiente urbano alla fiera di Roma

Insomma, sembra che nonostante l'attenzione del consumatore si dirige verso gusto, sicurezza e qualità, la città non sia proprio il posto dove si mangia meglio, anzi, secondo alcune tesi, la città è un concentrato di consumi: mangia il cibo e anche il territorio necessario per produrlo

Per non parlare dell'impatto che ha l'alimentazione sulla filiera produttiva. Secondo uno studio angem-fipe (associazione nazionale imprese della ristorazione collettiva) ogni giorno in Italia pranzano fuori casa milioni di persone, circa 1,5 milioni di bambini mangiano nelle mense. Dunque, l'alimentazione è uguale a maggiori consumi e ogni giorno ci sono sprechi di pasti non consumati. Che finiscono nella spazzatura, appunto