Notizie su mercato immobiliare ed economia

Piano casa, torna la cedolare secca

nel 2011 festeggeremo la cedolare secca?
Autore: Redazione

Sul piano casa in se l'anci (associazione nazionale comuni italiani) non avrebbe niente da dire, certo i soldi messi a disposizione dal governo per l'emergenza abitativa non sono molti (377,8 milioni di euro), ma i comuni riconoscono che si tratta comunque di una boccata d'ossigeno per l'edilizia sociale. La soluzione, però, secondo il vicepresidente dell'anci Roberto reggi, sta nel mettere sul mercato gli alloggi vuoti, ma per questo la via maestra è la
Cedolare secca sugli affitti

 

La questione è stata affrontata dal vicepresidente che ha annunciato di voler riproporla alla prossima riunione del tavolo con il ministero delle infrastrutture per l'attuazione del piano casa

 

I comuni, secondo reggi, sono molto interessati alla definizione degli accordi di programma, ma non possono dimenticare l'enorme peso degli sfratti esecutivi nei centri urbani negli ultimi due anni, nè l'incremento degli affitti, o l'incidenza che questi hanno sul reddito delle famiglie italiane

 

La cedolare secca, ossia l'imposta unica al 20% sugli affitti è considerata da molti una misura anti-evasione, con la quale i proventi degli affitti vengono tassati separatamente rispetto al reddito principale del proprietario e sottoposti ad un prelievo fisso. Il che sarebbe anche un incentivo ai proprietari delle case attualmente disabitate e sbloccherebbe l'offerta