Notizie su mercato immobiliare ed economia

L'edilizia è ferma e le imprese continuano a chiudere

Autore: Redazione

Il settore delle costruzioni vale l'11% del pil italiano, ma il suo stato di salute continua a peggiorare e il 2010 rischia di diventare l'anno nero del settore. Solo nel 2009 in Lombardia hanno perso il lavoro 22mila persone. In Piemonte hanno chiuso 448 aziende. Soltanto a Palermo 200. E per chi rimane in piedi la vita è dura

Ovunque in Italia la musica è la stessa. In Veneto nel primo semestre 2010 hanno già perso il lavoro 12mila addetti del settore. In Umbria improvvisamente molti contratti sono diventati part-time

In emilia, dove si è costruito molto, moltissimo, sanno bene cos'è una bolla immobiliare. Tanti, troppi appartamenti invenduti e con quello che ci vorrà per assorbirli l'occupazione ci metterà del tempo a  riprendersi. A soffrire sono soprattutto l'hinterland, la provincia e i piccoli centri. Per questo i dati su una ripresa del mercato immobiliare lasciano sconcertati in molti

Fuori dalle grandi città infatti tutto è Fermo ed è probabile che i fallimenti continuino. Tuttavia alcuni analisti credono che il settore fosse drogato e le 800mile imprese registrate sono troppe. Tra il Veneto e l'emilia sono arrivati a situazioni paradossali. Case e capannoni invendute, costruite in eccesso. Si calcola che nel trevigiano ci siano 1,1 milioni di abitazioni per 900mila abitanti

L'unico settore che funziona è quello delle ristrutturazioni, ma basterà a tenere in piedi il settore?